Stroppa: “Vittoria fondamentale per l’autostima. Spero sia determinante per il futuro”

Il Crotone doveva vincere. E ce l’ha fatta.

di Redazione Il Posticipo

Il Crotone doveva vincere o… vincere. Ed è riuscito a trovare i primi tre punti della stagione. Una vittoria significativa, anche perché maturata contro la prima diretta concorrente per la salvezza. Tre punti che permettono ai calabresi di tornare in corsa e premia il coraggio e la filosofia di Stroppa che non ha mai smarrito l’identità di squadra al netto dei risultati negativi. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

VITTORIA – Sono servite undici partite, ma la prima vittoria arriva contro una diretta concorrente e dopo aver affrontato quasi tutte le grandi in casa. “Il risultato è figlio della prestazione dei ragazzi. Dovevamo vincere, ci siamo riusciti e spero che questi tre punti siano determinanti. Credo che individualmente ci sia stata una crescita esponenziale sia nelle giocate individuale che nel muoversi coralmente. I gol non sono casuali. Spero che questo risultato lasci in eredità autostima e consapevolezza”. Come quelli di Messias. “Mi auguro che possa mostrare il proprio valore. Abbiamo avuto un percorso difficile, ma la squadra non ha mai mollato. La strada è questa, i ragazzi mi seguono anche se a volte siamo andati in difficoltà”.

SALVEZZA – La salvezza resta ancora un qualcosa che appare lontano, ma perlomeno non irraggiungibile come qualche settimana fa. In attesa del mercato, anche il calendario dà una mano. C’è spazio per recuperare terreno a patto di non ricadere nei soliti errori. “I numeri ci avvicinano a quella salvezza straordinaria. A me fa piacere che la squadra abbia vinto e colto un risultato importante per accorciare la classifica. Essere a una o due partite di distanza dalla salvezza aiuterà a lottare sino all’ultima giornata”. La determinazione non manca. “La squadra ha mantenuto sempre i ritmi alti, ha tenuto la gestione della palla, è stata capace di ripartire. Non possiamo né dobbiamo correre per 50 metri nelle due fasi e mantenere la capacità di tenere il rendimento altissimo sia nella prima che nella seconda frazione aiuta”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy