Stroppa: “Abbiamo perso l’occasione di metterli in difficoltà. Dopo la sfida si è messa in salita”

Il Crotone crolla alla distanza.

di Redazione Il Posticipo

Il Crotone tiene testa all’Inter per un tempo, poi crolla alla distanza. Un buon primo tempo non è stato sufficiente ala squadra di Stroppa che dopo aver chiuso il primo tempo sul pari, perde con un punteggio tennistico. Punizione forse troppo severa per quanto si è visto in campo, ma anche indicativa. Urgono comunque rinforzi. Il tecnico dei calabresi analizza la sfida. Le sue parole sono riprese da ilrossoblu.it.

KO – San Siro non è il luogo dove fare punti, ma il Crotone non ha rinunciato a giocarsi la partita.” Nel primo tempo la squadra poteva anche andare al riposo con un punteggio più rotondo.  Mi spiace molto, perché poi la sfida si è messa in salita e anche noi abbiamo regalato qualcosa, al di là della qualità che ha l’Inter.  Il terzo e quarto gol sono stati troppo facili per loro, poi arrivare a prendere sei gol dimostra che la squadra ha veramente mollato di testa. Dispiace perchè si poteva uscire con un risultato diverso anche giocando contro una squadra straordinaria. Secondo me abbiamo perso l’occasione di metterli in difficoltà. All’Inter si deve concedere poco, hanno  qualità nel tenere il campo e se li fai arrivare davanti la porta e in aria si fanno sentire”.

IDENTITA’ – Il Crotone ha perso la partita ma non l’identità. Non snaturarsi ha portato a una sconfitta pesante che lascia in eredità anche la consapevolezza di dover attingere al mercato. “Abbiamo dimostrato che si posso fare gare in una certa maniera al di là dell’aspetto tecnico e della qualità di gioco. La squadra è stata capace di chiudere il primo tempo in parità. Adesso rimbocchiamoci le maniche ci aspetta una sfida difficile”. Contro la Roma. “Abbiamo la necessità di fare punti, certamente prima di queste gare occorre sempre fare qualcosa in più, cercando di saper sfruttare ogni occasione che ci si presenta”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy