Stoichkov incorona Lautaro: “Al Barcellona può diventare un attaccante importante, ai livelli di Batistuta”

Che Lautaro Martinez sia un obiettivo del Barcellona, ormai…lo sanno anche i sassi. E Hristo Stoichkov, leggenda blaugrana, spiega che in Catalogna l’argentino può fare un ulteriore salto di qualità. Arrivando a poter diventare come un suo connazionale che ha fatto una carriera eccezionale…

di Redazione Il Posticipo

Che Lautaro Martinez sia un obiettivo del Barcellona, ormai…lo sanno anche i sassi. L’argentino dell’Inter ha fatto innamorare i blaugrana e non passa giorno senza che qualche nome importante del club catalano dica qualcosa riguardo il suo possibile arrivo al Camp Nou. A parlare stavolta è una leggenda del Barça, nonchè Pallone d’Oro: Hristo Stoichkov. Il bulgaro, parte integrante del Dream Team di Cruijff degli anni Novanta, ha spiegato al programma “Jogo Bonito” di FM Late che in Catalogna Lautaro può fare un ulteriore salto di qualità. Arrivando a poter diventare come un suo connazionale che ha fatto una carriera eccezionale…

COME BATI – “Mi piace molto Lautaro. Da esterno, mi piacevano parecchio attaccanti come lui. Ha molta mobilità e lavora per la squadra. Non sta mai fermo un attimo, il che è anche più importante di segnare un gol. Se arriva al Barcellona può diventare un attaccante importante tanto quanto lo è stato Batistuta. E al Barça avrebbe il miglior insegnante del mondo, Luis Suarez. Sono due centravanti che sanno muoversi e ovviamente possono giocare assieme, con Messi vicino”. E Griezmann? Il francese non sta passando un buon momento, ma Stoichkov pensa che dipenda dal modo in cui deve giocare… “Griezmann sta lavorando molto per la squadra, il che è fondamentale. Ho fiducia in lui, lo hanno pagato così tanto per un motivi. E ora come ora sta toccando 20 palloni a partita”.

LEO E PEP – La luce del Barça, però, resta sempre un altro argentino: la Pulce. “Messi lo conosco da quando ha cominicato e continua a essere sempre lo stesso. Non si può paragonare a nessuno, perchè è unico. Ed è un buon compagno di squadra, che è la cosa più importante”. Il bulgaro poi si prende un attimo anche per smentire le voci di dissapori tra l’argentino e Guardiola, che avrebbero portato all’addio del catalano al Camp Nou. “Non capisco come si possa dire un’idiozia come quella secondo cui Guardiola se ne sarebbe andato dal Barcellona per colpa di Messi. È totalmente falso. Se ci fossero stati problemi nello spogliatoio, quel Barcellona non avrebbe vinto 20 titoli. Si cercano sempre polemiche, ma questa è una bugia”. Parola…di Hristo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy