Sporting-Leaks, gli insulti di De Carvalho a Rui Patricio: “La coppa? Ficcatevela…”

Sporting-Leaks, gli insulti di De Carvalho a Rui Patricio: “La coppa? Ficcatevela…”

Dopo l’aggressione avvenuta allo stadio per la mancata qualificazione in Champions League diversi giocatori del club lusitano hanno ottenuto la rescissione. Il presidente non l’ha presa bene ed ecco le dichiarazioni.

di Redazione Il Posticipo

Uno dei più brutti capitoli di calcio degli ultimi tempi è stato scritto da alcuni tifosi dello Sporting Lisbona lo scorso maggio. Il club lusitano non è riuscito a centrare la qualificazione in Champions League e una cinquantina di tifosi hanno fatto irruzione nel centro sportivo, aggredendo diversi giocatori tra cui Rui Patricio. Alcuni dei calciatori in estate hanno richiesto e ottenuto, per ovvie ragioni, la rescissione del contratto con il club biancoverde. Rui Patricio, seguito anche dal Napoli, alla fine ha optato per un volo in Inghilterra e ha firmato un contratto con il Wolverhampton. L’ex presidente dello Sporting non l’ha presa bene.

INSULTI – Il quotidiano portoghese Correio da Manha ha pubblicato dei messaggi inviati dall’ex presidente, Bruno de Carvalho ad Andre Geraldes, suo vice, un paio di giorni prima dell’aggressione dei giocatori nel centro sportivo del club. I toni usati non sono proprio quelli che ci si aspetterebbe da due importanti figure di un prestigioso club calcistico e le parole usate contro i giocatori sono davvero dure: insulti alle mamme e raffiche di ‘vaffa’ indirizzate ad alcuni tesserati, tra i quali spunta il nome dell’ex capitano Rui Patricio.

I MOTIVI – Rui Particio si è “meritato” gli insulti per via di una papera nel match contro il Maritimo che è costato la sconfitta. Il portiere in quell’occasione ha lasciato il campo in lacrime ma non si sarebbe mai aspettato di subire, insieme ad alcuni suoi compagni, una rappresaglia da parte di una cinquantina di teste calde nella quale ha riportato anche qualche ferita. Il portiere era disperato e, sebbene fosse una delle bandiere del club, ha chiesto insieme ad alcuni compagni la rescissione del contratto.

NONOSTANTE TUTTO – Prima di ritrovarsi libero da vincoli contrattuali ha dovuto affrontare la finale di coppa nazionale. La coppa l’ha portata a casa lo Sporting ma De Carvalho era ancora arrabbiato: “per quanto riguarda la coppa, non ci sarò e non ci saranno festeggiamenti. Annullato: automobili, feste, visite in municipio a Lisbona. Niente. Si ficcassero la coppa su per il …”. Inutile dire che, a questo punto, ‘qualcosa’ nel club ha smesso di funzionare, i giocatori hanno ottenuto la rescissione e le indagini sono andate avanti.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy