Sporting, altre accuse per De Carvalho: “Ha cercato di far rapire Bruma per fargli rinnovare il contratto”

Continuano le rivelazioni sulla gestione dello Sporting Lisbona da parte dell’ex presidente Bruno de Carvalho. Nel 2013 de Carvalho avrebbe ideato il rapimento di Bruma per evitare che il calciatore firmasse con un’altra squadra.

di Redazione Il Posticipo

Continuano le rivelazioni sulla gestione dello Sporting Lisbona da parte dell’ex presidente Bruno de Carvalho. Come riporta Marca, l’ex numero uno dei biancoverdi è stato trattenuto in carcere e ascoltato per ciò che riguarda l’aggressione ai calciatori sul finire della scorsa stagione, che secondo gli investigatori sarebbe stata organizzata proprio dal presidente. Ma ora, attraverso le pagine di A Bola, arriva un’accusa ancora più pesante: nel 2013 de Carvalho avrebbe ideato il rapimento di Bruma per evitare che il calciatore firmasse con un’altra squadra. Ad attaccare l’ex numero uno dei Leoni è Catio Baldé, il procuratore dello stesso Bruma, che ha puntato il dito senza mezzi termini contro di lui.

ESERCITO DI DE CARVALHO – “Bruma è stato la prima vittima di Bruno de Carvalho e del suo esercito, la Juventude Leonina”. Secondo il procuratore, il gruppo più importante del tifo dello Sporting era al servizio del presidente. Nel 2013 il calciatore era in procinto di lasciare il club, ma i tifosi hanno cercato di fargli cambiare idea con metodi…discutibili. “Quando Bruma è arrivato in macchina, non appena sceso è stato circondato da quelli della Juventude Leonina, tizi col volto cattivo, tatuati e calvi. E la prima cosa che gli hanno detto è ‘devi venire con noi, ti accompagniamo perchè il presidente ti deve parlare'”. Baldé racconta che il calciatore è riuscito a scappare e a chiamarlo, denunciando il tentativo di sequestro.

MESSAGGIO – Ma non finisce così. “Quando siamo tornati assieme al centro sportivo, hanno ripetuto la stessa cosa. ‘Il presidente deve parlare con Bruma’. Poi quando ho chiamato la polizia sono scappati, ma avevano lasciato il loro messaggio, ci hanno detto che ci sarebbero venuti a prendere. E per me è chiaro che è stato Bruno de Carvalho a ordinare il sequestro, voleva che Bruma fosse portato allo stadio per costringerlo a firmare il nuovo contratto”. Contratto che però non viene firmato, con Bruma che va al Galatasaray alla fine di quell’estate. E quindi, neanche con le cattive si ottengono i risultati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy