Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spezia, Gotti: “Udinese sfida dal sapore particolare, ma ho l’esigenza di fare punti e muovere la classifica”

Spezia, Gotti: “Udinese sfida dal sapore particolare, ma ho l’esigenza di fare punti e muovere la classifica” - immagine 1
Il tecnico alla vigilia della sfida contro l'Udinese.

Redazione Il Posticipo

"Derby del cuore" per Luca Gotti che affronta la sua ex Udinese in una sfida dove però ci sarà poco spazio per i sentimentalismi, Lo Spezia è reduce da tre sconfitte consecutive e in generale quattro nelle ultime cinque partite in cui ha raccolto un solo punto. Il tecnico ha parlato ai canali ufficiali del club del momento e delle prospettive della sua squadra.

UDINESE

—  

Difficile, per Gotti, restare impassibile di fronte all'Udinese ma è altrettanto innegabile che serva una scossa. "Questa è una partita che ha ovviamente un sapore speciale per me anche e soprattutto da un punto di vista emotivo. Affronteremo un avversario molto forte, che ha un impianto di gioco collaudato in cui ha inserito giovani di grandissima qualità nei ruoli che erano un po' scoperti. Sino a qui il loro percorso è stato caratterizzato da tanti punti, sarà per forza di cose una sfida da affrontare con la massima attenzione senza pensare ad altro".

RISULTATI

—  

Anche il fattore Picco sta scemando. Un punto negli ultimi 180' giocati fra le mura amiche. "Siamo consapevoli del momento e anche piuttosto rammaricati perché arriviamo all'appuntamento reduci da tre sconfitte consecutive ma anche con la consapevolezza di aver giocato quelle tre partite molto bene. Purtroppo alcuni errori hanno condizionato il risultato. Evidentemente ci manca qualcosa, ed è ben rintracciabile nel gol. La squadra però è giovane, ci sono 4-5 ragazzi nati fra il 2000 e il 2002 che stanno giocando con continuità e hanno ampi margini di miglioramento".

Spezia, Gotti: “Udinese sfida dal sapore particolare, ma ho l’esigenza di fare punti e muovere la classifica”- immagine 2

PROSPETTIVE

—  

Si giocano due partite in una settimana e il rischio è di andare alla sosta in piena zona retrocessione. "Questi 180' di gioco compressi in una settimana contano molto di più di quanto avessimo voluto e immaginato vendendo da tre sconfitte consecutive. La squadra ha esigenze di punti per puntellare la classifica e arrivare nelle migliori condizioni possibili in vista dello stop. La sosta cristallizzerà tutto ma ci permetterà anche di recuperare giocatori dall'infermeria e gestire chi non ha avuto molto minutaggio".