Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spezia, Gotti: “Momento peggiore possibile per affrontare l’Hellas, siamo stati entrambi penalizzati”

Spezia, Gotti: “Momento peggiore possibile per affrontare l’Hellas, siamo stati entrambi penalizzati” - immagine 1
Il tecnico alla vigilia della sfida con l'Hellas che chiude il campionato d'autunno.

Redazione Il Posticipo

Lo Spezia cerca di chiudere nel modo migliore possibile il proprio campionato d'autunno anche se la sfida contro l'Hellas non lascia sereno Gotti. Il tecnico dello Spezia, in conferenza stampa, analizza i temi legati alla partita e a questa anomala sosta e preannuncia che non risparmierà nessuno dei convocati per il Qatar.

CHIUDERE BENE

—  

Obiettivo in due parole: finire bene. "La partita contro l'Udinese ha lasciato in eredità una certa amarezza perché tutti speravamo di andare alla sosta con una classifica migliore. Tuttavia vi sono anche aspetti positivi, soprattutto sul piano del gioco. Le convocazioni per il Qatar non hanno distratto i calciatori, la formazione non sarà condizionata dall'inizio del mondiale anche perché nessuno dei tre convocati mi ha dato segnali in tal senso. Credo che sia comunque il momento peggiore possibile per affrontare il Verona. Come noi, anche l'Hellas sogna e merita una classifica diversa perché il reale valore della squadra è ben diverso dall'attuale. É una squadra molto viva,  quindi la partita di domani sarà da giocare con la massima attenzione".

Spezia, Gotti: “Momento peggiore possibile per affrontare l’Hellas, siamo stati entrambi penalizzati” - immagine 1

PENALIZZATI

—  

In comune, anche l'essere stati penalizzati dalle decisioni arbitrali. Gotti ha un nervo scoperto. "Ad inizio stagione ci era stato spiegato che episodi legati a tocchi di mano involontari con palla non diretta verso la porta, non sarebbero stati sanzionati. Contro la Cremonese è accaduto qualcosa di analogo a quanto accaduto all'Hellas contro la Juventus. E comunque, se devo parlare di episodi, reputo ancora più grave la spinta di Pereyra su Caldara di qualche giorno fa, perché in quella occasione il calciatore dell'Udinese manda fuori tempo il nostro giocatore spingendolo da dietro. In ogni caso preferisco concentrarci in primis su quanto daremo in campo e dunque cercheremo di affrontare la partita con il giusto piglio fin dalle prime battute. La partita con l'Udinese ci ha detto anche che siamo in grado di giocare un buon calcio, ripartiremo da questo".