Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spezia, primo KO per Gotti: 1-2 con il Bochum. Spicca l’assenza di Provedel

Spezia, primo KO per Gotti: 1-2 con il Bochum. Spicca l’assenza di Provedel - immagine 1
Il tecnico ha ruotato gli uomini ma confermato il 3-5-2. Buona prova di Antiste e Nzola.

Redazione Il Posticipo

Prima battuta d'arresto dello Spezia di Luca Gotti. I liguri, dopo gli otto gol rifilati in amichevole al Gherdenia, escono sconfitti nel confronto contro una pari grado. 1-2 con il Bochum, avversario più avanti nella preparazione. Al tecnico però interessava molto di più l'interpretazione del match più del risultato e in questo senso lo Spezia non ha deluso giocando una partita tutto sommato attenta e ordinata anche in considerazione dei carichi di lavoro e della rotazione degli uomini.

CRONACA

La due squadre si sono affrontate a Bressanone. Sfida molto equilibrata con lo Spezia che si è fatto preferire nel primo tempo, quando Nzola ha creato i presupposti per il vantaggio e Antiste non è riuscito a trovare la via del gol. Bochum che si rende pericoloso solo di rado e solo nel finire di un primo tempo non esattamente indimenticabile. Squadre al riposo senza gol. Nella ripresa, complice anche la fatica, la partita si apre. Lo Spezia continua a sprecare palle gol e viene punito da un uno - due messo a segno dai tedeschi che in 120 secondi trovano la via del gol prima al 62' e poi a 64' con Asano e Losilla. A sei minuti dal termine Agudelo fissa il risultato finale sul 2-1. Da segnalare l'assenza di Provedel, indizio di mercato per il portiere che sembra sempre più vicino, a questo punto, al trasferimento alla Lazio.

IMPRESSIONI

Gotti ha ruotato gli uomini ma confermato il 3-5-2. Con questo modulo lo Spezia è apparso molto ordinato e presente a sé stesso in campo esclusa la sbavatura che ha portato al secondo gol su calcio d'angolo. Bene anche i movimenti d'attacco con i grandi delusi della scorsa stagione Nzola e Antiste che hanno messo in campo parecchio impegno e dato l'impressione di essere a caccia di riscatto e maggiore considerazione. Interessante in particolare Antiste, schierato da seconda punta. Un ruolo in cui è apparso molto più vivace e coinvolto nel gioco rispetto al passato. Intatta invece l'intesa fra Verde e Agudelo che ha portato al gol dell'1-2 nato appunto da una combinazione fra il fantasista e il centrocampista come sempre molto abile nell'inserimento nello spazio.