Inter, a gennaio linea…Verdi?

Inter, a gennaio linea…Verdi?

Spalletti tifa per il…Bologna. Il tecnico ha tutto l’interesse affinchè gli emiliani centrino una salvezza anticipata: questioni di mercato.

di Luigi Pellicone

Inter, linea…Verdi. La dirigenza nerazzurra ha individuato nel talento del Bologna il tassello mancante per costruire una squadra da scudetto. Non è un fuoriclasse, ma un prototipo ideale per il gioco di Spalletti che esalta le qualità del singolo all’interno della squadra.

Verdi, funzionale e multiruolo

Verdi è il profilo perfetto: segna e fa segnare. Quattro gol e altrettanti assist in campionato, nonché la capacità di sbloccare la partita su calcio piazzato. Nell’impianto di gioco dell’Inter la sua presenza sarebbe fondamentale, sia per le capacità realizzative che come uomo dell’ultimo passaggio. Il calciatore del Bologna può essere utilizzato sia come esterno, indifferentemente a destra o a sinistra, che come incursore dietro le punte. Spalletti ne apprezza la capacità di rincorrere l’uomo e disimpegnarsi con eguale disinvoltura in entrambe le fasce. Indispensabile, poi, la sua abilità su calcio da fermo. O per la conclusione in porta o nei palloni da consegnare ai saltatori. Una squadra fisica e muscolare come l’Inter può solo giovarsi di un calciatore che, da fermo, mette la palla più o meno dove vuole.

A Spalletti conviene tifare Bologna…

L’operazione si può chiudere anche a meno di 20 milioni di euro. L’idea è di definirla a gennaio, prima che il valore del calciatore s’impenni sino a scatenare un’asta. In questa ottica, l’innesto ricalcherebbe quanto accaduto la scorsa stagione, quando la dirigenza nerazzurra anticipò la concorrenza per assicurarsi Gagliardini, già appetito, dopo pochi mesi, da diverse big. E, sempre come lo scorso anno, la formula d’acquisto si baserà su un prestito con obbligo di riscatto a due anni, per aggirare (come in uno slalom gigante) i paletti del fair play finanziario. La questione è subordinata, tuttavia, alla situazione del Bologna. Donadoni non vuole privarsi del suo gioiello e indebolire la squadra. In questo senso il calendario dà una bella mano all’Inter. Gli emiliani da qui a gennaio, affronteranno Chievo, Benevento e Cagliari. Qualora totalizzassero nove punti, la salvezza sarebbe già a portata di mano. E di conseguenza la posizione del tecnico diverrebbe molto più morbida. Ecco perchè in casa nerazzurra si tifa…Bologna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy