Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna, Ronaldo rassicura i tifosi: “Il mio compito è mantenere intatta la salute del club”

Anche a Valladolid si lotta contro la crisi generata dal Coronavirus. Ronaldo si è rivolto ai tifosi attraverso un video per tranquillizzare l'ambiente e fare il punto della situazione.

Redazione Il Posticipo

Anche a Valladolid si lotta contro la crisi generata dal Coronavirus. Ronaldo si è rivolto ai tifosi attraverso un video per tranquillizzare l'ambiente fare il punto della situazione. Le parole del Fenomeno sono stare riportate da AS.

QUARANTENA - Anche il brasiliano si adatta. "Vivo momenti di difficoltà e sacrificio, ma è l'unico modo in per combattere questo avversario. Servono  pazienza e responsabilità". E la società si è adeguata alla nuova situazione. "Ci stiamo adattando a una situazione senza precedenti. Lavoriamo da casa, facciamo riunioni, in video chiamata, proviamo a restare al passo con i tempi richiesti dalla nostra attività. Continuiamo a parlare con tutte le istituzioni calcistiche, cercando di preservare la normalità, lavorando da casa perché non possiamo fermarci totalmente".

FUTURO - La pandemia ritarderà anche i progetti di crescita.  "Avevamo programmato di iniziare i lavori per la città dello sport ad aprile, dovremo ritardarli, ma vogliamo trasmettere tranquillità a tifosi, giocatori e  dipendenti del club. Cerchiamo la soluzione migliore possibile, ma non dipende da noi, vedremo cosa accadrà. Dobbiamo aspettare, capire se decideranno di giocare il resto del campionato. Ho il dovere di mantenere intatta la salute finanziaria del club e per riuscirci è fondamentale renderlo sostenibile economicamente. Vogliamo giocare e raggiungere la salvezza, ma dobbiamo garantire sicurezza a tutti. Aspettiamo la fine alla quarantena. È una situazione nuova".

CLUB - Ronaldo si è concentrato infine sulle difficoltà della ripresa: "I giocatori stanno seguendo i piani che i nostri dietologi, medici e preparatori atletici hanno preparato. Lavorano tutti con grande responsabilità. Essendo giocatori di alto livello, il ritorno alla competizione non può essere immediato. Ci vorrà del tempo prima che tornino alla migliore forma fisica e recuperino il loro livello. Tutto ciò che accade in questo momento è secondario, l'importante è battere il coronavirus e poi troveremo soluzioni a tutto".