Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna, insorge il Getafe: vuole il quarto posto e ritiene gli spetti di diritto…

La proposta della Federazione Spagnola continua a trovare opposizione in Liga. Il Getafe si fa sentire. E mette sul tavolo le proprie ragioni.

Redazione Il Posticipo

La proposta della Federazione Spagnola continua a trovare opposizione in Liga. Secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, la scelta di congelare la classifica in caso di stop non è andata giù a diversi club. E l'ultimo a unirsi alla lista è il Getafe.

VANTAGGIO -   Secondo i criteri stabiliti dalla Federazione, Barcellona , Real Madrid , Siviglia e Real Sociedad andrebbero in Champions League e Getafe e Atlético de Madrid in Europa League. Nel suo piccolo, però, il terzo club di Madrid ha alzato a voce:  ritiene che il quarto posto gli spetti,  poiché entrambe le squadre sono appaiate a 46 punti ed anche in questo caso il saldo è identico. +12. L'unica differenza è che la Real Sociedad ha segnato 45 gol, il Getafe 37, ma attenzione allo scontro diretto. Il Getafe ha vinto 2-1 in casa dei baschi. E ad aggiungere caos ci si è messo il calendario. La sfida di ritorno non si è ancora giocata. Si è di fronte a un caso limite: i criteri del campionato spagnolo sono chiari. In primo luogo contano gli scontri diretti, che però si limitano alla sfida di andata.

PROTESTA - Bordalàs non lascia molto spazio alle interpretazioni: "Quando un campionato finisce, il primo criterio è la partita singola, poi la differenza reti generale e solo dopo i goal a favore. Non c'è motivo di dubitare che sarà di nuovo così. E comunque noi vogliamo riprendere il campionato". Ancora meno diplomatico il presidente Torres: "La Federazione non ha alcuna autorità per stilare classifiche che nessuno ha chiesto loro di fare. Non vi è alcuna fretta di compilare la lista per l'Europa. Noi vogliamo giocare e il Getafe vuole guadagnare tutto ciò che serve in campo". E se la competizione non riprendesse il dado è tratto. "Il regolamento prevede che una volta terminata la competizione in caso di pareggio, vale il risultato tra le squadre.  Se la gara di ritorno non viene giocata, il primo criterio è la differenza reti nel singolo match".