Spagna, il presidente del Deportivo è una furia: “Questa è una vera truffa, bisogna ripetere la giornata. Il Rayo ha subito pressioni per giocare”

Spagna, il presidente del Deportivo è una furia: “Questa è una vera truffa, bisogna ripetere la giornata. Il Rayo ha subito pressioni per giocare”

A causa di di una serie di casi di Covid-19 nel Fuenlabrada, il SuperDepor, che appena vent’anni fa vinceva il campionato ed era protagonista in Champions League, è stato costretto ad assistere da spettatore alle altre partite in programma, con i risultati che lo hanno condannato alla Segunda B. Ma il presidente non ci sta.

di Redazione Il Posticipo

Il calcio mondiale ha fatto praticamente di tutto per evitare di essere troppo colpito dal coronavirus, ma c’era da aspettarsi che prima o poi la pandemia avrebbe fatto qualche scherzetto anche al momento di riprendere i campionati. E in Spagna l’aumento dei nuovi casi e il terrore per la seconda ondata ha di fatto deciso la Segunda Division, portando a una retrocessione clamorosa: quella del Deportivo La Coruña. Il SuperDepor, che appena vent’anni fa vinceva il campionato ed era protagonista in Champions League, è stato costretto ad assistere da spettatore alle altre partite in programma, con i risultati che lo hanno condannato alla Segunda B.

RIPETERE LA GIORNATA – Tutta colpa di una serie di casi di Covid-19 nel Fuenlabrada, che hanno impedito che il match si disputasse, a differenza degli altri. Abbastanza per far infuriare il presidente Fernando Vidal, che come riporta AS si scaglia contro le autorità del calcio spagnolo. “C’è un adulterazione totale, ci siamo sorpresi quando ci hanno detto che le altre partite si sarebbero giocate. Si è commesso un errore gravissimo, le ultime due giornate si devono disputare tutte assieme. E quindi la giornata va ripetuta, non ci sono altre soluzioni. E non siamo soli, ci sono altri club che sono d’accordo con noi”. Già, perchè il Deportivo non è l’unico che dalla giornata di Segunda Division ci ha rimesso. E c’è anche chi denuncia pressioni per scendere in campo.

TRUFFA – “Ci sono altri club coinvolti, come l’Elche, il Rayo, il Numancia… E posso dire che ho testimonianze, da parte del presidente del Rayo, di una serie di pressioni affinchè il match si giocasse. E anche lui è totalmente indignato, faremo fronte comune, quante più squadre saremo, meglio è. Dobbiamo lottare per un calcio pulito. Andremo fino in fondo, perchè quello che è successo è scandaloso, non può succedere nel calcio spagnolo. Parliamo di miglior campionato del mondo, ma è una vera truffa”. Insomma, dalle parole del presidente del Deportivo La Coruña si capisce che la Segunda Division sulla carta è finita. Ma sulle carte bollate…non troppo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy