Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna, il caso Barcellona: costa 391 milioni ma ne produce 668…

Le decisioni di Bartomeu stanno creando più di qualche malumore in casa del Barcellona.

Redazione Il Posticipo

Caos in casa del Barcellona. La prima squadra ha rifiutato la proposta della dirigenza di tagliare lo stipendio dei giocatori. Uno studio di AS ha cercato di fare chiarezza su cosa stia accadendo in Catalogna.

COSTI - Tutto, ovviamente, gira intorno ai costi e ai ricavi. E in questo senso i numeri parlano chiaro. Il Barcellona è una polisportiva. Non esiste solo il calcio ma occupa un posto piuttosto importante sia in termini di entrate che di uscite. La prima squadra di calcio incide, con i suoi 391.681 milioni di euro sull'83% dei costi complessivi del personale. In totale, il Barcellona inteso come polisportiva, ne spende 469.666. E altri 4.342 milioni per stipendi relativi ad altre attività.

CALCIO - Evidentemente la locomotiva economica è e resta la squadra di calcio. Il costo è importante, ma anche la produzione lo è. Il Barcellona genera 108.094 milioni per le competizioni in prima squadra. 262.004 milioni di diritti televisivi della prima squadra. Altri 255.350 milioni di entrate derivano  dal marketing e dalla pubblicità della prima squadra. E  infine, 42.884 milioni di entrate dagli abbonati e dai partner della prima squadra. Ciò significa che Messi e compagni genera 668.332 milioni di entrate del totale di 875,50. Calcolando l'impatto economico sui ricavi, si assesta sul 76 percento. Se i calciatori prendono l'83% della spesa per gli stipendi, lo squilibrio non sembra così devastante. Restano da analizzare i dati del resto della polisportiva.  rispetto ai 668 milioni di euro generati dalla prima squadra di calcio, il basket genera 9.177 e attività come il calcetto o l'hockey generano rispettivamente lo  0,7% e hockey, 0,3%.  Forse è anche per questo che il braccio di ferro fra squadra di calcio  e dirigenza potrebbe continuare. E durare anche piuttosto a lungo. Bartomeu richiede sacrifici a chi guadagna di più. I calciatori sono a locomotiva economica della polisportiva. Trovare la quadra, non sarà facile.