Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna, eliminazione che non sorprende: solo tre vittorie ai mondiali dopo il 2010

Spagna, eliminazione che non sorprende: solo tre vittorie ai mondiali dopo il 2010 - immagine 1
Una contro l'Australia, l'altra contro l'Iran e, in questo mondiale, quella con Costarica.

Redazione Il Posticipo

Marocco nella storia. Eliminata  la Spagna ai rigori. Un risultato straordinario, per la nazionale nordafricana, ma non stupefacente in generale. L'ennesima occasione sprecata di una Nazionale che ha sempre avuto le carte in regola per poter arrivare fino in fondo, salvo poi deludere le attese non è figlia del caso. Dopo il 2010, la Spagna non ha mai superato gli ottavi di finale ed ha vinto in tutto solo tre partite. Una contro l'Australia, l'altra contro l'Iran e, in questo mondiale, quella con Costarica.

BRASILE 2014

—  

Nel 2010 scende in campo la Spagna dei Casillas, Ramos, Puyol, Pique, Fabregas, Busquets, Xabi Alonso, Xavi, Iniesta, Villa, Torres. Tutti nel pieno della maturità calcistica, tutti abituati a giocare partite di alto livello. Per la prima volta nella sua storia la Spagna entra fra le prime quattro e poi in finale, dove si laurea campione del mondo per la prima volta. Da allora, un declino irreversibile. La generazione più importante che il calcio spagnolo abbia mai avuto "floppa" nel mondiale del 2014 dopo aver vinto gli Europei del 2012. Del Bosque commette un errore abbastanza comune: decide di riaffidarsi principalmente alla vecchia guardia, limitando notevolmente l'inserimento delle giovani promesse del calcio spagnolo. La Spagna viene eliminata al primo turno: perde la gara d'esordio contro i Paesi Bassi per 5-1, bissa con il Cile perdendo 0-2. Inutile la vittoria per 3-0 c0n l'Australia.

Spagna, eliminazione che non sorprende: solo tre vittorie ai mondiali dopo il 2010 - immagine 1

RUSSIA 2018

—  

La sfida con il Marocco ha ricalcato di fatto gli ottavi di finale con la Russia nel 2018 quando, contro i padroni di casa, gli spagnoli giocano una partita lenta, priva di idee e personalità, senza mai riuscire ad impensierire seriamente la retroguardia russa, che ha concesso agli ospiti un possesso palla totalmente sterile. Anche in quella occasione la qualificazione agli ottavi di finale era stata piuttosto laboriosa. Un pareggio per 3-3 contro il Portogallo all'esordio e uno striminzita vittoria sull'Iran. Un sofferto 2-2 contro il Marocco permette agli spagnoli di arrivare primi nel girone e... di sciupare tutto agli ottavi.