Spagna, caos coefficienti nella Tercera Division: i secondi in classifica…arrivano davanti ai primi

Lo stop forzato imposto dal coronavirus al calcio crea problemi ai campionati che sono stati definitivamente interrotti. Per i tornei in cui alcune squadre avevano più partite giocate delle altre, per dare verdetti c’è voluto il coefficiente punti. Peccato che in Spagna neanche questo abbia aiutato ad evitare le polemiche.

di Redazione Il Posticipo

Lo stop forzato imposto dal coronavirus al calcio in giro per il mondo sta creando parecchi problemi, sopratutto ai campionati che sono stati definitivamente interrotti. Alcune federazioni, come quella olandese, hanno deciso di non regalare verdetti definitivi, limitandosi ad assegnare i posti nelle coppe europee e congelando titoli, retrocessioni e promozioni. Qualcun altro invece ha voluto mettere il punto facendo valere i risultati fino al momento della sospensione, ma non è sempre stato semplice. Per i campionati in cui alcune squadre avevano più partite giocate delle altre, c’è voluto un altro metodo: quello del coefficiente punti. Peccato che in Spagna neanche questo abbia aiutato ad evitare le polemiche.

CLASSIFICA RIBALTATA – Quando la federazione spagnola ha annunciato lo stop definitivo alla Tercera Division, la quarta categoria del calcio spagnolo, sono infatti cominciati i calcoli che riguardano i diciotto gironi in questione. Quello più problematico, numeri alla mano, è il girone 12, quello delle Canarie. Prima della sospensione del campionato, in vetta c’era il Tenisca a 54 punti, con un punto in più del Tamaraceite e del Marino, mentre il San Fernando era quarto a quota 52. Peccato che le ultime due squadre avessero una partita in meno e quindi, al momento di calcolare i coefficienti, la situazione si sia praticamente ribaltata, con il Marino che si è laureato campione del suo girone, come conferma la comunicazione ufficiale della RFEF.

PROTESTA – La nuova classifica recita infatti Marino (1,962 punti a partita), Tenisca (1,928), San Fernando (1,925) e Tamaraceite (1,892). Il che, considerando che per decidere chi finirà in Segunda Division B si giocheranno playoff incrociati (prima contro quarta, secondo contro terza e poi finale), mette in posizione migliore la squadra che al momento dello stop era seconda in campionato. Una situazione che ha causato la protesta ufficiale del Tenisca attraverso il suo account Twitter: “Potremmo avere un nuovo record, stavolta mondiale: essere l’unica squadra nella storia del calcio ad essere arrivata seconda avendo fatto più punti della prima”. In effetti, una situazione più unica che rara. Ma del resto, da quando è arrivato il Covid-19, di normale non sembra esserci quasi nulla…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy