Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Spagna: ai tifosi manca il calcio, ma andranno allo stadio dopo il vaccino

Un sondaggio condotto da Marca lascia poco spazio alle interpretazioni. La gente sente la mancanza del calcio, ma non vuole rischiare. Sì alle porte chiuse.

Redazione Il Posticipo

In Spagna, come in tutti gli altri paesi calciofili, l'astinenza da calcio inizia a farsi sentire con una certa intensità ma in pochi, fra i tifosi, ha voglia di rischiare. Un sondaggio condotto da Marca lascia poco spazio alle interpretazioni...

SICUREZZA - Il quotidiano spagnolo, in un paese messo in ginocchio dalla pandemia, ha pubblicato un sondaggio aperto ai lettori che lascia poco spazio alle interpretazioni: alla domanda riguardante alle condizioni in cui il tifoso desidera tornare allo stadio, il 45% dei votanti ha risposto che è meglio attendere la scoperta del vaccino. Il 28% è a favore della ripresa non appena cesserà lo stato di emerenza. Il restante 27% accetterebbe che si giocasse a patto che si rispettassero le norme di sicurezza. Non a caso il 76% ritiene che dopo la pandemia l'afflusso dei tifosi diminuirà perché la gente avrà paura ad assistere a spettacoli che richiamano grandi masse.

QUANDO - Molto meno le indecisioni riguardanti il "quando". I tifosi sono più che disposti a rivedere le partite. Il 55% preferisce che il calcio ricominci, a prescindere o meno dalla presenza dei tifosi che interessa solo al 42% dei votanti. E il 45% di chi ha partecipato al sondaggio ritiene che le partite a porte chiuse siano comunque interessanti sebbene perdano attrattiva ed emozione rispetto a quando c'è il pubblico. Il 50% infatti ritiene l'evento meno coinvolgente. Una scelta che appare dunque abbastanza chiara. Il calcio manca, soprattutto dal punto di vista della visione della partite, ma in pochi sono disposti a tornare allo stadio. Quanto basta per indirizzare la scelta, con la consapevolezza di creare pochi scontenti, verso un finale di stagione a porte chiuse, purché garantito dalla salute degli atleti.