Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Solskjaer promuove Cavani: “Un titolare, giocherà molte partite dal primo minuto”

(Photo by Michael Regan/Getty Images)

Le scelte del tecnico norvegese sono dettate da un rendimento ben oltre le aspettative.

Redazione Il Posticipo

Cavani e lo United, una storia che potrebbe continuare. Solskjaer continua ad essere enormemente colpito dall'impatto che l'ex attaccante del PSG. E, in conferenza stampa, preannuncia ai tifosi che l'uruguaiano sarà sempre più utilizzato. Anche dall'inizio e a partire dalle prossime settimane.

DECISIVO - Le scelte del tecnico norvegese sono dettate da un rendimento ben oltre le aspettative. Cavani si è immediatamente ambientato in Premier  e non ha affatto risentito del passaggio a un calcio più fisico e intenso rispetto al campionato francese. E tutte le volte che è entrato in campo è stato decisivo. O personalmente, contro il Southampton e l'Everton in Coppa Carabao o per i compagni con l'assist a Bruno Fernandes per il pareggio. A questo punto è lecito pensare che l'uruguaiano possa anche giocare titolare.  "Cavani è decisamente un titolare. Non posso classificarlo in altro modo. Del resto in questa squadra abbiamo molti titolari. Ho grande fiducia in lui e probabilmente inizierà più partite di quante non ne abbia già giocate da subentrato".

PROFESSIONALE - Il tecnico dello United ha anche rivelato di non aver avuto remore a consegnare all'attaccante la famosa maglia numero 7. Casacca piuttosto pesante: basti pensare a  Di Maria e Sanchez, che non hanno raccolto l'eredità di Best, Cantona, Beckham a Ronaldo. Solskjaer ha rivelato che sia stato Cavani a volerla. "Questa è stata la prima cosa che mi ha chiesto. Voleva sapere se fosse possibile indossare  il "7". Parliamo di una maglia che ha scritto la storia dello United, ma non avevo dubbi che avrebbe gestito al meglio la pressione e la responsabilità di verla. Del resto è un calciatore  meticoloso e professionale. Lo dimostra la carriera che ha avuto, i trofei che è riuscito a vincere. E, nonostante l'età, è ancora uno dei giocatori più in forma che abbiamo. Ha avuto una grande influenza e ha avuto un grande impatto da quando è arrivato qui. Gli resta ancora qualche anno ad altissimo livello". Quanto basta per chiedere il prolungamento del contratto. "Non aggiungo altro, di certo ha contribuito al miglioramento di questo club. E ha ancora davanti a sé un campionato per dimostrare quanto vale".