Il sosia di Messi vende la moto per andare a trovare la Pulce, ma… perde il cellulare!

Il sosia di Messi vende la moto per andare a trovare la Pulce, ma… perde il cellulare!

Un viaggio lunghissimo e dispendioso, la pianificazione della cura personale per somigliare al proprio idolo, tanti sacrifici per farsi una foto con Messi. Ma alla fine… il sosia della Pulce perde il telefono!

di Redazione Il Posticipo

I tifosi sono pronti a tutto per seguire la propria squadra. E non tutti hanno le disponibilità economiche dei calciatori che diventano i loro idoli. Eppure, ci sono sempre. Un particolare tifoso della nazionale Argentina, che su Instagram fa…il sosia di Lionel Messi, ha fatto un’infinità di sacrifici per avvicinarlo e per farsi una foto con lui ed è partito per Salvador dove l’Argentina esordirà in Copa America. Il problema? Si è perso il cellulare in albergo.

SOLO UN SELFIE – Come riporta UOL Esporte, Paulo Vitor Rodrigues, 22 anni, favorito da una configurazione del viso simile a quella del 10 dell’Albiceleste, si è fatto crescere la barba proprio come la Pulce. Il ragazzo sogna di avere la possibilità di riuscire a stare accanto a Lionel Messi per qualche secondo, giusto per fare una foto accanto a lui. Un po’ come…nel gioco enigmistico del “trova le differenze”. Per riuscirci, partendo dall’Argentina, ha fatto dei sacrifici non indifferenti per recarsi a Salvador, dove la nazionale Albiceleste debutterà in Copa America: ha venduto il suo computer e la sua moto. Tutto per un selfie.

LIETO FINE – Ma come si fa un selfie senza smartphone? Già, il ventiduenne ha allertato tutto lo staff dell’hotel in cui ha pernottato: aveva perso il telefono cellulare, l’unica cosa, oltre al pizzico di fortuna necessario per riuscire ad avvicinare Messi, che lo divideva dalla realizzazione del sogno di farsi una foto col suo idolo. Le storie così belle, però, non possono mancare di lieto fine: grazie all’aiuto dello staff della struttura che lo ha ospitato, dopo circa mezz’ora di disperazione, il dispositivo è stato ritrovato. Ora la speranza è quella di riuscire a scattare la fatidica foto e tutte le energie di Rodrigues saranno concentrate sulla scelta suo del profilo migliore e nell’impegno a non far tremare la mano per l’emozione durante lo scatto. Ci mancherebbe che, dopo tutte queste peripezie, la foto venisse male.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy