Sosia e seduttore seriale: si finge Messi e riesce a conquistare 23 donne…

Sosia e seduttore seriale: si finge Messi e riesce a conquistare 23 donne…

Una storia degna della migliore trama del Boccaccio: un iraniano sfrutta la sua straordinaria somiglianza con Messi per sedurre 23 donne diverse… Lui però smentisce tutto!

di Redazione Il Posticipo

Una storia da Decamerone applicata al calcio. Un “Messi” iraniano seduce e conquista 23 donne diverse, sfruttando la straordinaria somiglianza con il calciatore argentino. La storia di questo seduttore seriale è riportata da Marca.

SEDOTTE -Tutto accade in Iran. L’uomo, come si evince dalle immagini, è quasi identico a Messi. Stesso viso, identico taglio dei capelli. Se indossa la maglia del Barcellona è praticamente un gemello della Pulce. E come sfruttare questa dote? Evidentemente non per giocare a calcio. Anche perché difficilmente avrebbe potuto replicare le gesta del campione argentino, al netto dell’innegabile somiglianza. Dunque? Il nostro “eroe” ha un’idea. Non strapperà ingaggi milionari, ma proverà ad adescare ingenue tifose.

REZA – Il falso Messi si chiama Reza Parastesh e il suo gioco sporco ha retto sino a che non è stato denunciato alla autorità. Tutto era nato da un gioco. Il ragazzo, con suo padre, scatta il più classico dei selfie indossando la maglia del Barcellona. Il risultato è sorprendente. La foto diviene immediatamente virale. E Reza ha cavalcato alla grande l’onda della popolarità.

IDENTITÀ – Il ragazzo non ha perso tempo: visita a un amico barbiere e stesso taglio del campione argentino. A questo punto gli è sufficiente attendere qualche settimana per completare la “mutazione” e appropriarsi dell’identità dell’argentino. Una volta cresciutagli la barba, il look è perfetto. E allora, via agli incontri con le “fan” fingendosi Messi. Inutile spiegare il perchè. L’obiettivo, chiaramente, era di sedurre le malcapitate. E al 23esimo tentativo riuscito, però, il gioco è finito.

SMENTITA – O forse non è così? Il sosia sfrutta il suo seguitissimo profilo Instagram per pubblicare un video in cui smentisce le accuse trovate sui social e sui media internazionali. E lo conferma anche ad Omasport. “Ciao amici, delle false notizie stanno circolando sul mio conto e stanno spopolando sui social. Secondo queste notizie mi sarei portato a letto 23 donne facendo credere loro che fossi Lionel Messi. Per favore, non giocate con la reputazione e la credibilità delle persone. Siamo tutti consapevoli del fatto che se questo succedesse a chiunque ci sarebbero delle forti proteste e che porterebbe alla mia messa in stato d’accusa. Sarebbe un disastro, una calamità di proporzioni internazionali. Se fosse vero, ora sarei in prigione“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy