calcio

Sorteggio Champions, Klopp: “Il Real, un avversario affascinante. Non vedo l’ora…”

Campioni di Inghilterra contro Campioni di Spagna. Bis della finale di Kiev. Il tecnico ha analizzato gli scenari di una sfida definita affascinante.

Redazione Il Posticipo

Real Madrid - Liverpool.  Che partita. Campioni di Inghilterra contro Campioni di Spagna. Bis della finale di Kiev ultima di Ronaldo con la maglia del Real nonché dello scontro memorabile fra Salah e Sergio Ramos che ha reso lo spagnolo il calciatore più odiato in riva al Merseyside. Klopp, ai microfoni del sito ufficiale ha analizzato gli scenari di una sfida definita affascinante.

REAL - Una grande classica del calcio europeo. Klopp la attende con ansia.  "Un sorteggio affascinante, una sfida emozionante. Ovviamente il Real Madrid non è un avversario facile ma in ogni caso non possiamo lamentarci perché qualunque fosse stato l'avversario avremmo esclamato un Oh my God. Chi arriva a questi livello è fortissimo e ha grande qualità. Non vedo l'ora che arrivi questa partita. Sono passati due anni da quando li abbiamo affrontati per l'ultima volta e non è stata esattamente una partita che ci ha reso felici. Avere la possibilità di una rivincita è molto bello". Due squadre molto diverse rispetto al 2018. "Non so. Li abbiamo affrontati solo una volta. Di certo non ci saranno Bale e Cristiano Ronaldo ma ci sono ancora tantissimi calciatori di spessore. Varane e Ramos ci sono ancora, esattamente come Kroos, Modric e Casemiro. E non scordiamoci di Benzema. Non c'è molto da aggiungere sarà una doppia sfida fantastica".

FATTORE CAMPO - Difficile parlare di fattore campo con le sfide che si giocano a porte chiuse, ma i reds con ogni probabilità giocheranno la sfida di andata in campo neutro e il ritorno ad Anfield. Klopp ritiene che comunque giocare in casa sia importante. "Non so dove giocheremo. Se sarà Budapest, andrà comunque bene, anche se giocare ad Anfiled sarebbe molto diverso per noi". Almeno è stato scongiurato il rischio, assai concreto, di un derby tutto inglese. "Credo che alla fine sia uguale per tutti. Il Bayern voleva evitare il Dortmund, così come noi avremmo preferito non confrontarci contro Ciy e Chelsea. Non so se sia meglio avere rimandato lo scontro in una possibile semifinale, l'unica certezza che avevo riguardava la forza dell'avversario che avremmo incontrato. Era chiaro che qualsiasi pescata sarebbe stata difficile".