calcio

Russia 2018, tanti incroci particolari che l’Italia potrà solo ammirare

Russia 2018. Ventura è al...mare. L'Italia pure. Questi mondiali non ci vedranno protagonisti, ma già dal sorteggio regalano subito intrecci interessanti.

Redazione Il Posticipo

Mondiali 2018. Sorteggio. Tutti belli, eleganti. Arriva la Coppa. Bella, come sempre. Chi sa chi la porterà, il prossimo 15 luglio, a farsi un giro. Tanti invitati. Manchiamo solo noi. Anche Ventura, a modo suo, fa le prove generali. È al mare, a Zanzibar. Già, il mare. Esattamente dove sarà l'Italia mentre le sue avversarie storiche si giocheranno il Mondiale. Il sorteggio regala comunque intrecci interessanti.

Argentina, una tassa da pagare

D come Difficile. Il girone dell'Argentina, qualificatasi all'ultima giornata alla kermesse, è perlomeno complicato. Messi pesca la Croazia. Peggio forse, solo la Spagna. E neanche troppo, perchè se gli slavi trovano la luna giusta, diventano quasi impossibili da affrontare. Occhio anche al derby fra nobiltà e la media borghesia del'attacco juventino. Pjaca e Mandzukic sono certi di giocarlo (soprattutto SuperMario), mentre chissà se saranno in campo dal primo minuto anche Higuain e Dybala...

Nigeria, che noia che barba

Già visto, già fatto. Se la Nigeria si presenta al Mondiale, siate pur certi che incrocerà l'Argentina nel girone. Un duello quasi...noioso. Che però porta bene, o male, a entrambe. Il primo incrocio risale al 1994 quando sudamericani e africani sbarcarono agli ottavi, salvo poi arenarsi entrambi. Nel 2002, ecco il bis. Girone di ferro con l'Inghilterra, l'avventura si chiude immediatamente. Nel 2010 la Seleccion si presenta ai nastri di partenza da favorita e, indovinate un po' chi pesca? Già, la Nigeria. Il poker è servito nel 2014, quando i finalisti ritrovano ancora una volta le aquile con Iran e Bosnia. E adesso? Croazia e Islanda. Non esattamente una passeggiata. Il destino, per gli africani, sembra segnato.

Gruppo B nel giardino di casa, con la Germania ci vediamo alla prossima...

L'urna si è divertita anche con la geografia. Spagna e Portogallo hanno tremato quando si sono incrociate nel gruppo B, ma poi la tensione si è sciolta. Scorrendo il girone, con Marocco ed Iran, è facile trovare gli intrusi. Ah, ma valeva la pena di arrivare in Russia, quando, per giocare i 3/4 delle partite in programma, sarebbe stato sufficiente solcare 15 chilometri di mare? Ultimo accenno al gruppo F, quello della Germania. Tantissima amarezza. I Campioni del Mondo affrontano la Svezia. E in quel girone, saremmo potuti esserci noi, magari per una rivincita di Euro 2016. Rimandata alla prossima puntata. Forse...

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();

tutte le notizie di