calcio

Son, la divisa si avvicina? Lo strano risvolto della sconfitta della Corea del Sud

Il tempo per Son sta per scadere. Il tempo per cosa? Per rispondere alla chiamata alle armi. Se il suo futuro sarà in divisa o dietro a un pallone, potrebbe dipendere dai risultati della Corea del Sud. E la sconfitta contro la Svezia non è un...

Redazione Il Posticipo

La Corea del Sud inizia il suo mondiale con una sconfitta. Nella partita contro la Svezia gli asiatici si vedono poco, o almeno non quanto ci si potrebbe aspettare. E persino la stella della squadra, l'attaccante del Tottenham Heung-min Son, non si è fatto notare. Non girando lui, che vale più del 50% di tutta la rosa della squadra, complicato che i compagni riescano a risolvere il match, che alla fine gli scandinavi hanno incassato...con la VAR. E adesso sono problemi. Sia per la Corea del Sud, che per lo stesso Son. Un'eliminazione al primo turno, per il calciatore degli Spurs potrebbe significare che la divisa...si avvicina.

SERVIZIO MILITARE - Come riporta il Guardian, il tempo per Son sta per scadere. Il tempo per cosa? Per rispondere alla chiamata alle armi. Entro i ventotto anni di età, ogni cittadino coreano deve infatti fare quasi due anni di servizio militare. Ma siccome la legge non è proprio uguale per tutti, a Son, che è la stella del calcio locale, è stata concessa una proroga, che gli permetterà di non doversi preoccupare fino all'estate 2019. Poi, se il suo futuro sarà in divisa o dietro a un pallone, potrebbe dipendere dai risultati della Corea del Sud. Solo attraverso l'esenzione per meriti sportivi, il calciatore potrebbe sfuggire ai ventuno mesi in caserma. Ecco perchè la sconfitta contro la Svezia può complicare parecchio i piani di Son.

GIOCHI ASIATICI O COPPA D'ASIA - Certo, l'idea che la Corea possa vincere il mondiale risulta abbastanza campata in aria anche per la stessa federazione, che potrebbe accontentarsi di un piazzamento intermedio. Come quando nel 2002 ha ritenuto abbastanza il quarto posto nell'edizione casalinga per dispensare la stella di allora, Park Ji-Sung. Una scelta dunque a discrezione dei vertici del calcio coreano. Difficile capire quale risultato possa bastare, ma di certo il rischio di non passare neanche il girone non farà piacere in patria. E a quel punto, per la stella del Tottenham resterebbero solamente altre due occasioni. La prima è quella dei Giochi Asiatici, che si svolgeranno in Indonesia tra agosto e settembre. Ma la manifestazione non è organizzata dalla FIFA e quindi gli Spurs potrebbero bloccare la sua convocazione. E poi l'ultima spiaggia, la Coppa d'Asia, a gennaio negli Emirati Arabi. Altrimenti, è il caso di dirlo, per Heung-min Son la divisa e i capelli corti potrebbero avvicinarsi...a passo di marcia.