Sommer, un dito dà, un dito toglie: il portiere del Mönchengladbach dal miracolo alla papera che elimina i tedeschi

Sommer, un dito dà, un dito toglie: il portiere del Mönchengladbach dal miracolo alla papera che elimina i tedeschi

Yann Sommer, portiere del Borussia Mönchenglabach, non ha fatto in tempo a diventare un mito che, in capo a cinque giorni, è tornato sulla terra. In Bundesliga la sua parata di… medio su Kimmich è già leggenda. In Europa League, la sua papera contro l’Istanbul Başakşehir fa altrettanto…

di Redazione Il Posticipo

Il calcio, si sa, è strano. E ci vuole poco, molto poco, per passare da eroe a colpevole. Soprattutto se di mestiere si fa il portiere. La solitudine del numero uno, in fondo, sta tutta lì. Se un calciatore di movimento fa un errore, qualcuno può provare a rimediare. Se lo fa l’estremo difensore, nove volte su dieci il pallone finisce in rete. E a quel punto tutti i miracoli e le certezze che si regalano alla propria difesa passano in secondo piano. Basterebbe chiedere a Yann Sommer, portiere del Borussia Mönchenglabach. Che non ha fatto in tempo a diventare un mito che, in capo a cinque giorni, è tornato sulla terra.

MIRACOLI E PAPERE – La sua parata contro il Bayern Monaco in Bundesliga ha fatto il giro del mondo. Un dito, il medio, in grado di fermare il tiro di Kimmich che aveva già deviato con lo stinco a pochi millimetri dall’irreparabile. Il pallone, spiegherà la goal line technology, è entrato del 99,2%. Dunque, non tutto, solo grazie ai riflessi sovrumani di Sommer. Che però… l’ha pagata cara e con lui tutto il Borussia. I tedeschi, primi in campionato, escono dall’Europa League (nel girone della Roma) contro l’Istanbul Başakşehir. E dire che bastava pareggiare per passare il turno. Ma nessuno aveva fatto i conti…con la papera di Sommer.

REAZIONI – Il Borussia è passato in vantaggio con gol di Thuram, ma a pochi secondi dal termine del primo tempo il portiere…non ci ha messo bene le dita. Il tiro di Kahveci da oltre trenta metri è centrale e non certo pericoloso, ma Sommer, invece di impedire che finisse in rete, è praticamente riuscito a mandarcelo lui. Un errore che, unito al gol a tempo quasi scaduto del francese Crivelli, ha contribuito a spedire la squadra di Rose fuori dall’Europa League. Per la gioia dei tifosi della Roma, che ancora ce l’hanno con i tedeschi per le prese in giro dopo il rigore…di faccia di Smalling. E di quelli del Bayern, che fanno notare agli avversari di Bundes che a volte un dito dà, altre toglie…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy