Solskjaer senza mezzi termini: “Meglio una lacuna in squadra che uno str***o in campo…”

Solskjaer senza mezzi termini: “Meglio una lacuna in squadra che uno str***o in campo…”

L’allenatore dello United spiega la sua concezione della squadra e della gestione dello spogliatoio con un linguaggio abbastanza colorito.

di Redazione Il Posticipo

Ole Gunnar Solkjaer, tecnico del Manchester United, ha parlato chiaramente di ciò che vuole dai suoi giocatori anche in modo piuttosto colorito. L’allenatore norvegese è molto soddisfatto dell’atmosfera dello spogliatoio dei Red Devils, spiegando che a differenza dell’anno scorso tutto è molto più positivo. In una intervista rilasciata a United We  Stand e ripresa dal Mundo Deportivo il tecnico dei Red Devils non lascia molto spazio alle interpretazioni.

PULIZIA –  L’estate scorsa, Solskjaer ha deciso di ripulire la squadra, rilasciando diversi giocatori come Lukaku, Alexis, Smalling, Damian, Young, Herrera e Valencia. E la spiegazione è caustica. “Preferirei avere un  vuoto nella squadra piuttosto che uno stupido (eufemismo). La personalità dei calciatori è molto importante. Siamo una squadra, mi piacciono i giocatori abbiano un po ‘di ego, ma devono essere in grado di adattarsi. Quando sono arrivato, a marzo del 2019, i giocatori erano stanchi fisicamente e mentalmente stanchi. C’erano atteggiamenti negativi, mentre ora è tutto molto positivo”.

ELEMENTI – Il tecnico non fa nomi ma chiarisce: “C’erano diverse cose che non mi piacevano l’anno scorso, alcune situazioni personali non potevano essere portate aventi.  In ogni squadra ci saranno sempre giocatori che vorranno giocare di più, ma affinché il gruppo abbia successo, tutti devono essere disponibili in momenti diversi. E adesso sono certo che non abbiamo una mela cattiva in questo spogliatoio. Anche se quando vinci, tutto è facile. È nei momenti difficili, però, che si può apprezzare chi ha la mentalità giusta. Dopo la trasferta di Parigi la squadra ha segnato il passo. Ed è stato allora che ho capito chi poteva far parte di una squadra vincente a lungo termine. Hai bisogno di qualche ego nel calcio, ma la squadra deve venire prima. Alla fine della stagione sono stato in grado di vedere sempre di più ciò di cui avevo bisogno per migliorare ”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy