Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

Solskjaer, un trasformismo che ha stancato i big…

Il tecnico dello United continua a cambiare pelle ai Red Devils, ma i risultati non arrivano.

Redazione Il Posticipo

Solskjaer il trasformista. Il tecnico del Manchester United ha tentato più volte di cambiare pelle alla sua squadra ma i risultati, sinora, sono stati molto deludenti. A tal punto che, come ripotato dal Sun, i big dello spogliatoio sarebbero stufi del continuo rimescolare le carte.

CAMBI - I numeri parlano chiaro. In 16 partite di Premier League e Champions League in questa stagione, Solskjaer ha utilizzato 11 diverse combinazioni di centrocampo, di cui nove viste solo una volta. 11 partite (4 sconfitte 1 pari e 6 vittorie) con il 4-2-3-1. Il 4-4-2 a rombo, invece, ha fruttato due vittorie e una sconfitta esattamente come il 3-4-1-2. Resta da capire perché non si arrivi a una soluzione definitiva. Una domanda che si è posto anche Scholes: "Non sai se sarà si giocherà a atre in difesa, o se a centrocampo saranno in due. E quanti centravanti giocheranno. A volte si cambia, come è successo a Lipsia, senza avere neanche il tempo di preparare la sfida. Sono sicuro che Ole stia cercando di trovare un'identità per la squadra ma è impossibile che si fava a giocare a Lipsia e nessuno di sappia chi giocherà e con che modulo".

FIDUCIA - La squadra, secondo il tabloid inglese, ha ancora fiducia nell'allenatore e, complice anche l'importante campagna acquisti della scorsa finestra estiva ha ancora la possibilità di giocare una buona stagione e puntare a vincere qualcosa di importante. Del resto la rosa è competitiva, specialmente per l'Europa League, competizione in cui lo United ha già sfiorato la finale arrendendosi solo al Siviglia.  Le stelle della squadra, nonché gli uomini che hanno più peso nello spogliatoio sono ben lontano dallo scaricare il tecnico ma gli hanno chiesto maggiore coerenza. Tradotto, scelte chiare e definitive in modo da favorire anche una maggiore compattezza in campo. Intanto Solskjaer è di nuovo in altalena. E alle porte c'è il derby di Manchester, non esattamente la sfida migliore cui approcciare sperimentando qualcosa di difficile comprensione e applicazione da parte del gruppo. E questa volta una nuova sconfitta potrebbe essergli davvero fatale anche perché ci sarebbe tutto il tempo, per la dirigenza di pianificare la seconda parte di stagione all'inseguimento del quarto posto in campionato o una qualificazione.