calcio

United, Solskjaer non è Mourinho: non resterà a lungo… in albergo!

Solskjaer continua a punzecchiare Mourinho? In realtà no, ma ogni volta che apre bocca sembra portare quella ventata di normalità che si contrappone all’esuberanza dello Special One.

Redazione Il Posticipo

Josè Mourinho è davvero lo Special One. Ma in quale altra parte del mondo si può trovare un altro allenatore che fa parlare di sé anche quando si trova senza lavoro? È unico. Questo è innegabile. Tra l’altro, un motivo per cui il suo sostituto sulla panchina dei Red Devils è così ben voluto, è che a volte sembra il suo contrario: ogni volta che Ole Gunnar Solskjaer apre bocca, per la ventata di semplicità che apporta, sembra quasi fare una provocazione nei confronti dello Special One. Solskjaer cerca casa? Ed ecco che si torna a parlare dei due anni passati in albergo da Mourinho.

PARALLELI - Infatti, come riporta il Daily Mail, l’ex attaccante norvegese ha spiegato che sta cercando casa a Manchester nonostante la sua permanenza in panchina non dovrebbe estendersi oltre la fine della stagione in corso. E quindi per un periodo di sei mesi ha deciso di mettere su casa? Ebbene sì. È questo che va in contrasto con quanto si è abituati: Josè Mourinho, infatti, durante la sua intera permanenza a Manchester ha pernottato al Lowry Hotel: una struttura di prim’ordine e quindi molto, molto costosa, la stessa in cui al momento vive il nuovo tecnico. Che però vuole fare le valigie.

L’AMORE PER MANCHESTER - A prescindere dalla durata del proprio contratto, Solskjaer, vuole fare di Manchester la sua casa. Di nuovo. Proprio come quando vi è arrivato nell’ormai lontano 1996, dove è stato amato dal pubblico per essersi sempre messo a disposizione della squadra, di non essersi mai lamentato di fare la panchina e per quell’epico gol in finale di Champions League. Probabilmente, con i crediti che ha con il club,i pernottamenti al Lowry glieli pagherebbero volentieri i tifosi con una colletta ma lui, parlando di Manchester, è convinto di dover dare ancora di più: “ad essere onesto, la amo e devo dire che non vedo l’ora di alzarmi per ricominciare a lavorare. Ho sempre fatto così nel calcio. Sono ancora in hotel ma ho trovato casa”. Mica come Mou!