Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Solskjaer: “Non credo affatto che il nostro compito si sia chiuso qui”

MANCHESTER, ENGLAND - MARCH 08: Manchester United manager Ole Gunnar Solskjaer and Manchester City manager Pep Guardiola look on during the Premier League match between Manchester United and Manchester City at Old Trafford on March 08, 2020 in Manchester, United Kingdom. (Photo by Michael Regan/Getty Images)

Alla Roma non basta un grandissimo primo tempo per uscire indenne dall'Old Trafford.

Redazione Il Posticipo

Alla Roma non basta un grandissimo primo tempo per uscire indenne dall'Old Trafford. Il risultato finale mortifica i giallorossi oltre i loro demeriti, considerando gli infortuni e l'impossibilità di operare dei cambi dopo metà primo tempo. Alla lunga la qualità dello United è emersa ma Solskjaer è consapevole che non sia del tutto finita. Il tecnico norvegese ritiene che la Roma abbia messo in difficoltà i Red Devils e possa ancora farlo. Le sue parole sono riprese dalla BBC.

IPOTECATA - La qualificazione è ipotecata. "Non credo affatto che il nostro compito si sia chiuso qui. C'è ancora del lavoro da fare, anche se siamo senza dubbio a buon punti. Abbiamo giocato una buona partita contro un avversario che ha grande qualità. La Roma ha segnato due gol nelle occasioni che gli abbiamo concesso, e sono stati abilissimi a sfruttarle, come accaduto contro l'Ajax. Forse nel primo tempo non stavamo benissimo ma ci siamo messi insieme. I due gol subiti sono davvero errori da scolaretti che non dovrebbe accadere a questo livello. Fortunatamente nella ripresa lo United ha giocato un'ottima partita".

QUALITA' - La qualità ha fatto la differenza. "Questa è una squadra molto competitiva e in mezzo al campo ha funzionato tutto davvero molto. Capisco che calciatori come Greenwood possano essere delusi nel non giocare, ma occorre rispettare alcuni equilibri. Abbiamo già dei calciatori molti creativi, in grado di creare grandi giocate. Credo che la posizione di Paul Pogba sia quella ideale. Ha saputo sfruttare lo spazio quando gli è stato concesso, ma in generale devo complimentarmi con la squadra che è rientrata in campo senza mai perdere  la testa".