Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Solskjaer furioso con l’Inghilterra: “Avevo chiesto di far riposare Greenwood. Adesso è qui con noi, al sicuro…”

Il tecnico norvegese ritiene che il ragazzo sia stato sovraesposto.

Redazione Il Posticipo

Solskjaer furioso con la Federcalcio Inglese. Secondo il tecnico norvegese il ragazzo è stato sovraesposto. E, come riportato dal sito ufficiale del club, ha intenzione di proteggerlo e di continuare a farlo lavorare il più possibile lontano dai riflettori proteggendolo nel suo percorso di crescita.

"FURIA - Il norvegese ritiene che il ragazzo avrebbe dovuto restare a casa senza rispondere alla convocazione in Nations League. "Il ragazzo ha giocato una stagione fantastica e ha lavorato molto seriamente con il club. Avevamo pensato di concedergli un po' di visibilità anche sui media ma senza esagerare. Poi, dopo appena due settimane di ferie, è stato convocato in nazionale, nonostante io e il club avessimo richiesto e sottolineato la necessità che riposasse. Dal punto di vista fisico e mentale. E invece lo hanno chiamato".

PROTEZIONE - Quanto accaduto durante il ritiro é noto. Greenwood e Foden invitano due ragazze in albergo  in Islanda, infrangendo le regole. E Southgate, l' allenatore dell'Inghilterra , ha ordinato a entrambi i giocatori di volare a casa. Dove è stato accolto e protetto. "Abbiamo fatto tutto il possibile per tutelarlo. Continuerò ad aiutarlo e so che quando tornerà nella routine quotidiana del club starà  bene. Ovviamente ho parlato con lui, ma quello che ci siamo detti resterà solo fra noi due".

CERTEZZE - Il tecnico dello Unted scommette poi a occhi chiusi sul calciatore ed è convinto che dopo i 17 gol della prima stagione tornerà ad esprimersi ad altissimi livelli. "Fa parte del gruppo. Dopo i test si è allenato da solo per un po' ma non appena sarà possibile, tornerà con noi. È una componente importante della squadra. Qui  si sente a casa, qui è dove si trova a suo agio perché pur essendo in un ambiente sfidante, abbiamo persone che si prendono cura di lui. Avevamo in mente un percorso e sinora ha funzionato benissimo. Dobbiamo capire che è un ragazzo di 18 anni e ha bisogno di essere gestito. "