Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Solskjaer: “Accetto le critiche, non le bugie. Non è la mia prima crisi qui, reagiremo come Tyson Fury”

MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 25: Ole Gunnar Solskjaer, Manager of Manchester United with Bruno Fernandes after the Premier League match between Manchester United and Aston Villa at Old Trafford on September 25, 2021 in Manchester, England. (Photo by Gareth Copley/Getty Images)

Il tecnico ha parlato per la prima volta dopo la manita subita dal Liverpool. E non le manda adire in conferenza stampa.

Redazione Il Posticipo

Solskjaer ha parlato per la prima volta dopo la manita subita dal Liverpool. E non le manda adire in conferenza stampa. Nella sua settimana più difficile da allenatore dello United, il tecnico norvegese tira in ballo anche Tyson Fury. Del resto i red devils sono apparsi come un pugile suonato nella sfida contro il Liverpool. Il tecnico non ha preso benissimo le critiche, come riportato dalla BBC.

COMPLICATO - La sconfitta contro i reds pesa tantissimo. E con il Tottenham Solskjaer si gioca buona parte del suo futuro allo United. "Abbiamo sicuramente bisogno di una reazione ed è anche mio compito mettere i giocatori nel giusto stato d'animo. Sono responsabile del risultato e soprattutto della prestazione. Abbiamo lavorato sul campo, ma non solo. Ci siamo confrontati su aspetti tattici e su come approcciare alla gara. Un po' come Tyson Fury. Quando finisce al tappeto rimane composto e riparte. Si tratta anche di un percorso mentale. Ci servono serenità e pazienza, nonché una migliore comunicazione senza perdere lucidità e cercare di sistemare tutto e subito con troppa fretta".

MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 25: Ole Gunnar Solskjaer, Manager of Manchester United with Bruno Fernandes after the Premier League match between Manchester United and Aston Villa at Old Trafford on September 25, 2021 in Manchester, England. (Photo by Gareth Copley/Getty Images)

CRITICHE  - Le critiche non scalfiscono Solskjaer, che però si concentra sul chiacchiericcio. Troppe parole, a suo avviso. "Come vedete sto benissimo, sono qui a parlare. Posso accettare le critiche ma non possiamo accettare quando ci si inventa di tutto. Non posso né voglio sopportare bugie. Accetto le opinioni e qualsiasi tipo di critiche ma non il falso. Siamo molto migliori di quello che traspare. Ho avuto anche il supporto di diversi calciatori come Pogba che mi ha spiegato cosa volesse dire sui social anche se io non li leggo. Di fronte a queste situazioni occorre rispetto reciproco e comunque ho visto la reazione che volevo. La squadra si è unita e trincerata. Personalmente non è la mia prima crisi allo United. Ho dovuto fare i conti con diverse battute d'arresto, sia da calciatore che da allenatore, ma ho sempre reagito con la squadra". Si è parlato anche dell'incontro con Ferguson. "Breve ma intenso. A parte gli scherzi, si trattava di una visita legata ad eventi commerciali".