Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Simeone vince, Ancelotti sorride: “La priorità era non avere problemi”

Il derby fa tutti contenti. L’Atletico fa sua la stracittadina, onora il campionato e resta ancorato alla zona Champions. Il Real Madrid, già Campione di Spagna, gioca esattamente la partita che voleva. A prescindere dal risultato,...

Redazione Il Posticipo

Il derby fa tutti contenti. L'Atletico fa sua la stracittadina, onora il campionato e resta ancorato alla zona Champions. Il Real Madrid, già Campione di Spagna, gioca esattamente la partita che voleva. A prescindere dal risultato, 90' di gioco  intensi e allenanti che non lasciano in eredità alcun infortunio o contrattempo e permettono a chi è sceso in campo di accumulare minutaggio e agli altri di riposare. Simeone e Ancelotti dunque, seppur per motivi diversi, sono soddisfatti.

SERENO  - Il tecnico dei blancos ha analizzato la sfida a caldo ai microfoni di Movistar. "Una bella partita. Abbiamo giocato molto meglio nel secondo tempo e non potevo chiedere di più dopo alla squadra una settimana molto intensa ed emozionante. L'aspetto mentale è stato decisivo. L'Atletico aveva, in questo senso, un vantaggio. A noi non servivano punti, ma solo giocare una buona partita. La priorità oggi era evitare problemi e dare minuti ai giocatori meno abituati a scendere in campo. E sarà così sino al termine della stagione. Chi non ha giocato tanto in questi mesi scenderà spesso in campo. L'obiettivo è ovvio. Queste partite ci aiutano ad avere ritmo, mi è piaciuta molto l'intensità mostrata nel secondo tempo. Dobbiamo continuare così senza complicarci la vita e arrivare in finale con tutti i giocatori disponibili".

CHAMPIONS - Evidentemente la testa era alla Champions. Inevitabile, a risultato acquisito che fosse così. "Ruoteremo gli uomini, giochiamo due volte in una settimana poi ne avremo altre due per prepararci alla partita con il Liverpool. In questo momento l'ideale sarebbe giocare il meno possibile ma di buono c'è che abbiamo la possibilità di portare tutti i componenti della rosa allo stesso livello. Il mio obiettivo è avere ogni calciatore disponibile e le scelte sono dettate da questi motivi. Benzema non ha giocato ho evitato di inserire anche Modric, erano stanchi mentre Mariano Diaz ha avuto un problema al tendine del ginocchio".