Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Simeone: “Suarez? Come Torres, si allena sempre allo stesso modo anche se non gioca”

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

L’Atletico Madrid sembra aver trovato la quadra. E Diego Pablo Simeone paragona Luis Suarez a Torres. Il tecnico dei colchoneros è apparso telematicamente davanti ai media nell’anteprima della partita che vedrà i Campioni di Spagna...

Redazione Il Posticipo

L'Atletico Madrid sembra aver trovato la quadra. E Diego Pablo Simeone paragona Luis Suarez a Torres. Il tecnico dei colchoneros è apparso telematicamente davanti ai media nell'anteprima della partita che vedrà i Campioni di Spagna affrontare il Betis per una sfida fondamentale in chiave Champions.  Le parole del Cholo sono riprese da AS.

SUAREZ - Molto se non tutto ruota intorno al rendimento e alle scelte legate a Suarez. Simeone sembra aver trovato un undici senza pistolero.  " Ho avuto molta fortuna come allenatore. Ho gestito Torres, un campione del mondo e lui si è sempre allenato allo stesso modo, che abbia giocato o meno. Oggi con Luis vivo la stessa situazione. Sempre impegnato nel gruppo, sempre presente per dimostrare la sua validità e il suo obiettivo quando tocca a lui. Ci sono momenti in cui ci sono giocatori che meritano di scendere in campo con i fatti. Noi, come allenatori, dobbiamo cercare l'equilibrio e compensare la parte emotiva di ciascuno, di chi gioca e di chi no. E poi c'è il gruppo, che è quello che finisce per formare le squadre”.

 LIVERPOOL, ENGLAND - MARCH 11: Diego Simeone, Manager of Atletico Madrid and Jurgen Klopp, Manager of Liverpool bump elbows prior to the UEFA Champions League round of 16 second leg match between Liverpool FC and Atletico Madrid at Anfield on March 11, 2020 in Liverpool, United Kingdom. (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

SCELTE - Anche l'uscita di Herrera fa rumore ma Simeone affronta l'argomento con grande serenità.  "Si stava allenando molto bene a volte non gli ho potuto dare i minuti che meritava. Oggi viviamo come la scorsa stagione quando abbiamo cambiato sistema e Héctor ha fatto come adesso, con energia, personalità, dando alla squadra fluidità e calma. Questa decisione di cambiare sede di carriera non cambia nulla e gli dà più forza, la tranquillità di sapere cosa avrà in futuro. Per quanto riguarda il vivaio sappiamo benissimo che a volte arrivano in prima squadra ragazzi già pronti mentre ci sono altri momenti in cui è necessario che i ragazzi provenienti dalle giovanili accumulino esperienza altrove. Saúl, Thomas, Lucas sono ragazzi che sono apparsi e ci hanno regalato cose importanti".