Simeone: “Non cerchiamo scuse né colpevoli: abbiamo dato il massimo”

Lisbona è una città maledetta per il Cholo.

di Redazione Il Posticipo

Lisbona è una città maledetta per il Cholo. Negli ultimi minuti ha perso una semifinale con il Lipsia. Un bis, per certi versi, della finale persa nel recupero della sfida con il Real Madrid. Evidentemente, se mai vincerà la Champions, non ci riuscirà in Portogallo. Le parole del tecnico sono riportate da Sky Sport. 

FALLIMENTO – Non si può parlare di fallimento. Nè di delusione. “Assolutamente no. Abbiamo dato il massimo. La stagione è stata troppo lunga, ci siamo fermati 60 giorni per ricominciare con l’obbligo e la responsabilità assoluta di tornare in Champions in Liga. Ci siamo fermati per ricaricarci. Non si è vista la squadra che si è vista nel campionato spagnolo, ma non potevamo dare più di quanto abbiamo fatto. Ai ragazzi ho detto la stessa cosa. Si possono cercare scuse o alibi, ma è stato un anno difficile, complesso. Siamo arrivati terzi in campionato e ai quarti di Champions, quindi abbiamo migliorato rispetto alla precedente”.

SCELTE – “Joao Felix non si è allenato, era infortunato e quando è tornato aveva pochi giorni nelle gambe. Ripartiamo come sempre, con tranquillità, lasciando la testa libera. La prossima stagione sarà ancora più complicata, ma dobbiamo continuare a essere competitivi cercando di migliorare ulteriormente i risultati della scorsa stagione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy