Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Simeone criptico sul rinnovo. “Per ora sto bene dove sono. E manca ancora un anno…”

(Photo by Alexander Hassenstein/Getty Images)

Si parla da tempo di un prolungamento sino al 2024 ma sinora non c'è stata ancora alcuna firma.

Redazione Il Posticipo

Diego Simeone , tecnico dell'Atlético Madrid è criptico sul rinnovo del contratto. Si parla da tempo di un prolungamento sino al 2024 ma sinora non c'è stata ancora alcuna firma. E lo stesso Simeone prende tempo. Le sue parole in conferenza stampa sono riprese dal Mundo Deportivo. 

2024 - Il tecnico argentino preferisce pensare alla stretta attualità. "Posso dire quello che ho sempre detto. Quando ci sarà qualcosa di concreto ne parleremo. E ad oggi non c'è niente da segnalare. Sono molto contento di dove mi trovo, ho un anno molto importante davanti a me e quando avremo un incontro tutti saranno informati. Sono concentrato sull'Eibar, un campo che è sempre stato molto complicato per noi. Abbiamo avuto qualche giorno in più per allenarci, spero di giocare una buona partita".

MERCATO - La società può puntare al titolo e ha puntato e ottenuto un rinforzo importante come Dembélé: "È arrivato pochi giorni fa, sta lavorando, sta cercando di unirsi al gruppo. La presenza di Kondogbia, Carrasco e Lemar possono accelerare il processo di ambientamento. Torreira e Sapnijc fanno parte del gruppo, è normale pensare che qualcosa durante il mercato possa accadere. Sinceramente spero che finisca il prima possibile perché sono contento della rosa che ho a disposizione. Chiaramente abbiamo diversi  giocatori importanti in rosa ed è normale che ci pensino altre squadre. A proposito, non abbiamo pensato ad Odegaard".

JOAO - Per un Atletico totalmente competitivo serve il miglior Joao Felix. La sua caviglia sembra finalmente a posto e il momento del portoghese potrebbe arrivare molto presto. "Gli chiedo spesso come sta abbiamo bisogno anche di lui.  Nelle ultime partite non ha giocato, ma resta molto importante per il gruppo. Ogni volta che è sceso in campo, ha mostrato tutto il suo talento e le sue qualità. Quando ritroverà la sua forma migliore, ci aiuterà moltissimo nello sviluppo della manovra offensiva per creare occasioni da gol o concludere in porta".