Silvestre racconta il primo incontro con CR7: “Ferguson ci aveva detto che c’era un ragazzino a cui fare attenzione, in campo abbiamo subito capito di chi parlava…”

Una partita che cambia una carriera. L’amichevole tra Manchester United e Sporting Lisbona in cui i Red Devils si sono accorti di quel piccolo fenomeno vestito di biancoverde è stata fondamentale nello sviluppo di Ronaldo. E il suo ex compagno di squadra Silvestre spiega cosa hanno pensato i calciatori di Ferguson…

di Redazione Il Posticipo

Una partita che cambia una carriera. Nel caso di Cristiano Ronaldo, sembra quasi un’esagerazione, perchè il talento e la determinazione erano tali che certamente il portoghese si sarebbe comunque imposto. Se però nella sua trasformazione da ragazzino di Madeira a CR7 ha anche parecchio merito Sir Alex Ferguson, allora diventa evidente che l’amichevole del 2003 tra Manchester United e Sporting Lisbona in cui i Red Devils si sono accorti di quel piccolo fenomeno vestito di biancoverde diventa fondamentale nello sviluppo di Ronaldo. A ricordare quel match è Mikaël Silvestre, che del portoghese sarebbe diventato compagno di squadra proprio a Old Trafford.

AMICHEVOLE – Il francese racconta a Four Four Two il suo primo incontro con il giovane fenomeno. Quel giorno, l’esterno dello Sporting fece letteralmente impazzire il suo diretto avversario.. “Ho incontrato Ronaldo per la prima volta nel 2003 durante un’amichevole contro lo Sporting Lisbona. Nel discorso prima della partita Ferguson ci aveva detto che c’era un ragazzo a cui dovevamo fare parecchia attenzione: non aveva fatto il suo nome, ma quando siamo scesi in campo abbiamo subito capito tutti di chi parlava. Ronaldo ha torturato il povero O’Shea sulla fascia sinistra, si è messo in mostra la sua velocità e i cambi di direzione con la palla. E tutti abbiamo pensato: ‘Sarebbe bello se questo ragazzo venisse allo United…”.

SUBITO – E, come racconta il francese, è esattamente quello che pensano anche i senatori e Sir Alex. Al punto che, spiega Silvestre, il pullman dello United ci mette un po’ di più a ripartire dopo l’amichevole: Ferguson sta mettendo le basi per l’affare. “Dopo la partita, Gary Neville è entrato nello spogliatoio e ha detto: ‘Bisogna comprarlo subito’. E Ferguson ha risposto: ‘Vediamo che si può fare’. Ricordo di essere salito sull’autobus prima di partire, ma siamo rimasti lì un po’ più del normale. Sir Alex stava discutendo con Ronaldo e con lo Sporting per convincerli”. Missione decisamente compiuta. E il resto è storia. Anzi, leggenda…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy