Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Si scrive “Real-Liverpool”, si legge…”Karius”: “Stavolta non c’è lui, vinciamo noi”

 (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

Nessun match deI sorteggi dei quarti di finale di Champions League affascina come il remake di Kiev. Quella del 2018 è l'ultima partita di CR7 al Real, quella in cui Sergio Ramos infortuna Salah, ma soprattutto quella decisa dalle due papere di...

Redazione Il Posticipo

Tutto...già visto. I sorteggi dei quarti di finale di Champions League regalano quattro partite non certo inedite. Logico, considerando che l'unica delle otto squadre rimaste in lizza a non aver mai giocato la finalissima è il City di Guardiola. A cui l'urna di Nyon regala il Borussia Dortmund, già affrontato nella stagione in cui poi i tedeschi sono volati a giocarsi la finale con il Bayern. A proposito, i campioni d'Europa in carica affrontano il rematch della finale di Lisbona in uno scontro ad altissimo livello contro il Paris Saint-Germain. E anche Chelsea-Porto è deicsamente una classica della Champions, con un retrogusto che sa...di Mourinho. Ma nulla affascina come il remake di Kiev: Liverpool e Real Madrid si incontrano di nuovo.

KIEV - Diciannove Champions in due, quattro delle ultime cinque assegnate. Basterebbe questo per rendere il quarto di finale tra Reds e Blancos imperdibile. Ma il ricordo non può che andare alla finale dell'edizione 2017/18. In Ucraina va in scena una partita destinata a entrare nella storia. È l'ultima di CR7 con la maglia del Real, è quella in cui Sergio Ramos infortuna (chissà quanto casualmente) Salah, ma anche e soprattutto quella decisa dalle due papere di Loris Karius. A differenza dei suoi compagni di squadra, che nella stagione successiva hanno alzato la coppa, il tedesco non si è più ripreso dai gol regalati a Benzema e a Bale. E chissà come si sentirà ora che, complice un sorteggio molto particolare, il suo nome torna a spuntare fuori.

KARIUS - Già, perchè da tutti e due i lati, si scrive "Real-Liverpool" ma si legge "Karius". Entrambe le tifoserie non possono non menzionare lo sfortunato portiere sui social. E quindi una tifosa del Liverpool è particolarmente convinta: "Niente Ronaldo, niente Bale e niente Karius: stavolta vinciamo noi". Dall'altro lato della barricata, in compenso, qualcuno ne sente eccome la mancanza, soprattutto dato che stavolta in porta ci sarà Alisson. "In che squadra gioca Karius? Mi manca. Siamo tutti Karius. Preghiamo per Karius. Karius, torna". Insomma, all'estremo difensore, che attualmente gioca (anzi, non gioca) con l'Union Berlino, saranno fischiate non poco le orecchie. Come del resto ogni volta che succede qualcosa che fa pensare a quelle due papere clamorose...

Potresti esserti perso