Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Sheringham avvisa il Tottenham prima del derby con l’Arsenal: “Senza Champions, capirei se Conte mollasse…”

Sheringham avvisa il Tottenham prima del derby con l’Arsenal: “Senza Champions, capirei se Conte mollasse…” - immagine 1

La stagione del Tottenham di Antonio Conte si deciderà in gran parte nel derby di Londra Nord contro l'Arsenal. E in caso di mancata qualificazione in Champions, il grande ex Sheringham ha brutte notizie per il club...

Redazione Il Posticipo

Tutto, o quasi, in novanta minuti. E non certo qualsiasi. La stagione del Tottenham di Antonio Conte si deciderà in gran parte nel derby di Londra Nord contro l'Arsenal di Arteta. La classifica parla chiaro e per gli Spurs il risultato utile è uno solo, la vittoria, che porterebbe Kane e compagni a un punto dai Gunners con due match ancora da disputare. In caso di pareggio la distanza diventerebbe difficile da colmare senza un crollo dei cugini e se il Tottenham dovesse perdere, beh, Conte dovrà abituarsi al pensiero di giocare di nuovo l'Europa League nella prossima stagione. Sempre ammesso che con un risultato simile il tecnico leccese non decida di mollare tutto...

LASCIARE? - Un concetto che dalle parti del nuovo Tottenham Hotspur Stadium vanno ripetendo già da un po', ovvero da quando a gennaio non è che il club abbia saputo accontentare troppo l'allenatore sul mercato. Conte si è lamentato chiaramente, spiegando che per fare un salto in avanti ci vogliono i calciatori, magari quel Luis Diaz che gli Spurs si sono lasciati scappare e che tanto comodo avrebbe fatto ai londinesi, visto quello che sta combinando al Liverpool. Ma anche la mancata qualificazione alla Champions potrebbe essere un motivo abbastanza buono per la rottura del contratto, che scadrà nel 2023. Questo, almeno, è quello che pensa un grande ex come Teddy Sheringham. Parlando al Sun, l'ex centravanti della nazionale inglese fa un'analisi abbastanza chiara al riguardo...

LA CHAMPIONS - “Se Conte vuole rimanere più di due anni deve fare in modo che i suoi calciatori comincino a giocare in Champions. Se le cose vanno come previsto, avrà più soldi per il mercato e potrà costruire la squadra. Ma capirei se se ne andasse senza Champions. È uno che vuole tutto subito, vuole giocare le partite importanti al massimo livello. Quando ha accettato la panchina, però, sapeva a che punto era il Tottenham e sapeva che non sarebbe stato facile entrare nelle prime quattro. Se non ci riuscisse in questa stagione, voglio sperare che ci voglia riprovare nella prossima e spero che resti, perchè per me è l'uomo giusto per il club. Ha portato voglia, disciplina e impegno, qualcosa che non si vedeva da anni. Ecco perchè è nell'interesse sia del Tottenham che di Conte riuscire a raggiungere la Champions". Più facile a dirsi, però, che a farsi...