Setièn un ponte d’oro verso l’uscita: nove milioni in 7 mesi…

Setièn un ponte d’oro verso l’uscita: nove milioni in 7 mesi…

Il tecnico del Barca ha perso la panchina ma il conto in banca lo aiuterà a ritrovare il sorriso…

di Redazione Il Posticipo

Setièn è un nome che a Barcellona non dimenticheranno facilmente. Oltre al danno, ci sono pure i costi da sostenere per un allenatore che è riuscito a lasciare la bacheca vuota dopo 12 anni continuativi di successi.

LAMPO – Un esonero lampo che sarà pagato carissimo. In tutti i sensi. I 217  giorni trascorsi insieme,prima dell’addio rischiano di costare al Barcellona qualcosa come nove milioni di euro. Quanto basterà, e probabilmente avanzerà pure, a Setièn che, volendolo fare, potrà tornare serenamente nella sua fattoria a godersi la vita agreste almeno sino al prossimo giugno. Lo stipendio è comunque assicurato.

ESILIO DORATO – Secondo quanto riporta l’Equipe, Setièn guadagna 500.000 euro lordi al mese. E se non rinuncerà a un solo euro di quanto gli spetta nonostante sia entrato nella storia del Barcellona dalla porta sbagliata peserà parecchio sui conti già deficitari del club. Nel libro paga, voce “uscite” beneficiario “Setien” si registrerà una uscita totale  di 6 milioni di euro.  Sul conto… galoppante più che corrente di Setièn, invece, saranno versati, almeno sino a giugno del 2022, 350mila euro mensili. Quanto basta per permettergli di scegliere con sufficiente serenità la prossima destinazione.

2022 – L’unica salvezza, sono le elezioni. Il contratto di Setién scade nel 2022 ma solo in teoria. Vi è una clausola che stabilisce la possibilità di interrompere il rapporto alla fine della prossima stagione, qualora subentri un nuovo presidente. Ipotesi, allo status quo, molto realistica. E che “libererebbe” le parti. La stagione 2020/2021 però non è soggetta ad alcuna clusola. Quindi il Barcellona sarà costretto a pagare l’intero corrispettivo a Setién, a meno che il tecnico non si trovi un’altra squadra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy