Sergio Ramos, multato per frode fiscale: un milione di euro

Sergio Ramos, multato per frode fiscale: un milione di euro

Ancora grane fiscali per i calciatori in Spagna. Dopo Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, anche Sergio Ramos finisce sotto i riflettori del fisco iberico. Multato per un milione di euro.

di Redazione Il Posticipo

I calciatori dei maggiori campionati europei sono molto ma molto ricchi. I loro guadagni, tra l’altro, non derivano soltanto dall’attività lavorativa che prestano ad una squadra ma anche da altre fonti. C’è chi apre un’azienda e chi investe in altri modi ma una delle maggiori fonti di guadagno arriva dai diritti d’immagine. Insomma, è facile per loro avere introiti ma non è altrettanto facile gestirli. E a volte capita di sentir parlare di guai fiscali. L’ultimo calciatore sotto i riflettori in questo ambito è Sergio Ramos.

LA MULTA – Secondo El Mundo Deportivo, il capitano del Real Madrid avrebbe addirittura frodato il fisco. L’analisi portata avanti dal quotidiano spagnolo sosterrebbe la tesi che il calciatore avrebbe trasferito i proventi dei propri diritti d’immagine a una sua azienda per pagare meno tasse su questi introiti. Questo sarebbe accaduto negli esercizi 2012, 2013 e 2014. Tuttavia, secondo quanto rimbalza dalla Spagna, sembrerebbe che la  magagna sia venuta allo scoperto solo recentemente. Sembra anche che il giocatore abbia deciso di pagare una multa da un milione per evitare guai peggiori ma… sembrerebbe che non sia finita qui.

RICORSO MA… – Lo stesso quotidiano spagnolo riporta che il capitano del Real Madrid sarebbe  pronto a impugnare ricorso. A quanto pare, Ramos avrebbe pagato per mettere un freno a questa questione ma non sembra voler soggiacere a questa pena, probabilmente ritenuta ingiusta. Anzi, il pluricampione d’Europa e del Mondo sarebbe fiducioso a riguardo: spera che la multa sia annullata e che, quindi, l’importo gli sia restituito. Eppure, questa questione non gli starebbe creando grane per la prima volta: già nel triennio 2006-2008 il calciatore aveva pagato una multa (seppur d’importo minore). Insomma, dopo le chiacchiere estive sui suoi problemi economici ne arrivano altre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy