Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Sergio Ramos in tackle sulle polemiche: “Non gli diamo peso. Chi perda sappia fare autocritica”

Il capitano del Real Madrid ancora decisivo. La sua freddezza dal dischetto ha deciso la sfida contro l'Athletic Bilbao e lancia il Real verso la Liga.

Redazione Il Posticipo

Sergio Ramos  ancora decisivo. El Capitan ha deciso la sfida contro l'Athletic Bilbao su un calcio di rigore. Vittoria fondamentale su un campo complicatissimo per il Real che vede vicinissima la Liga. Le sue parole sono riprese da Movistar.

DECISIVO - Ancora una volta Ramos è un fattore incidente sul match. Il suo gol vale e pesa tantissimo. "La vittoria di oggi è fondamentale, abbiamo vinto uno delle partite più difficili del campionato. Una trasferta in casa del Bilbao è sempre complicata. Ma noi giochiamo con l'idea di vincere undici finali e l'obiettivo è vincerne il più possibile. Oggi abbiamo mostrato una buona condizione fisica".

RIGORE- Tre punti che portano momentaneamente il Real a +7. Pressione tutta sul Barcellona. Ramos però preferisce avere il destino fra le sue mani: "Dipendiamo da noi e vogliamo vincere il campionato. La squadra voleva fortemente il risultato, ma è chiaro che queste non sono partite che si vincono 3-0". Al Real ne basta uno solo, ma su rigore. Quanto basta per alimentare polemiche. "Ho pensato solo a una esecuzione che valeva re punti e non penso a nient'altro. La pressione non mi ha condizionato. Non ero nervoso quando ho lanciato. E comunque i gol sono importanti, ma è meglio far vincere la squadra".

POLEMICHE - Si discuterà molto sul rigore concesso e su quello non dato a Raùl Garcìa: "Lui era dietro di me e non potevo vederlo. Comunque non daremo troppa importanza alle parole. Se vinceremo il campionato non sarà perché ci hanno aiutato gli arbitri. Così come se lo perderemo non sarà per colpa delle loro decisioni. Credo che chi perde debba saper fare autocritica. Gli arbitri sono lì per aiutare, alcune decisioni possono essere corrette e altre no,  ma non sono mai decisivi".