Sergio Ramos: addio al Real come CR7? Il presidente Perez lascerà partire il Gran Capitan solo se…

Sergio Ramos: addio al Real come CR7? Il presidente Perez lascerà partire il Gran Capitan solo se…

Il difensore è sempre più lontano dal Real Madrid. Il club non vuole trattenerlo contro la sua volontà, ma Sergio Ramos dovrà fare come CR7 un anno fa. Il presidente Florentino Perez vacilla solo di fronte a una buona offerta messa sul piatto?

di Redazione Il Posticipo

Sergio Ramos come CR7? Un anno dopo ci risiamo! Il futuro dello spagnolo al Real Madrid sembra improvvisamente incerto: una situazione analoga a quella del portoghese un anno fa. Secondo quanto rivelato da Marca, il capitano ha comunicato al presidente Florentino Perez di non essere a proprio agio con la situazione attuale e di voler partire destinazione Cina, ma i dirigenti del club stanno aspettando di vedere l’offerta che il giocatore avrebbe ricevuto direttamente dall’Oriente. La dirigenza del Real, Perez in testa, avrebbe messo le cose in chiaro col Gran Capitan…

COME CR7 – In attesa di un nuovo incontro, la strada da seguire è molto chiara: nel prossimo incontro il giocatore dovrà comunicare ufficialmente la sua volontà di lasciare il Santiago Bernabeu. A quel punto il copione da seguire sarà lo stesso andato in scena con Cristiano Ronaldo un anno fa, che aveva comunicato nel febbraio 2017 la sua volontà di cambiare aria. Incassato il duro colpo, la dirigenza lo ha costretto a presentare un’offerta concreta: l’entourage del portoghese ha messo sul piatto quella della Juventus e le cose sono andate come tutti sanno.

RAMOS IN PARTENZA – Il capitano è in una situazione simile a quella di CR7: nel prossimo incontro con Perez dovrà ufficializzare la sua volontà di andarsene. Al momento non viene nemmeno considerata la possibilità che il giocatore possa rinnovare il suo contratto col Real. Ramos è già a Madrid dopo le vacanze fatte a Miami prima del suo matrimonio in programma il 15 giugno e l’incontro con Perez avverrà presto. Ora la palla passa al difensore che dovrà presentare un’offerta in grado di convincere economicamente la dirigenza della sua attuale squadra. Alcuni top club europei restano alla finestra: nessuna squadra ha intenzione di muoversi finché il giocatore non ufficializzerà di voler partire. Sulla sfondo c’è pure la possibilità di andare in Cina. Anche l’Oriente è meglio del Real?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy