calcio

Serataccia Wolves! L’Etihad è un Inferno: rigore, rosso e… autogol

(Photo by Robbie Jay Barratt - AMA/Getty Images)

Ma quale azzanno a Guardiola! Alla fine i lupi "hanno perso" anche un membro del branco per strada: in casa del Manchester City la storia è stata scritta al contrario! Nessuno in Premier finora aveva vissuto una serata così...

Redazione Il Posticipo

Espirito Santo di nome sì, ma di fatto? Dalla panchina non è arrivato nessun intervento salvifico e l'Etihad è diventato un Inferno! E pensare che il Wolverhampton aveva guardato con fiducia alla trasferta sul campo del Manchester City di Pep Guardiola: soprattutto dopo quanto fatto vedere in casa del Tottenham qualche settimana fa (in quell'occasione i lupi erano passati a sorpresa 3-1 ribaltando la partita). Il Monday Night delle speranze si trasformato in una delle serate pià dure della stagione...

UN LUPO IN MENO - Pronti via e... subito sotto! Il Wolverhampton ha pagato la tassa Etihad come capita alla maggior parte delle squadre "costrette" a fare visita agli uomini di Pep Guardiola in questa Premier League. City subito aggressivo e in vantaggio al 10' grazie a Gabriel Jesus. Al 19' la partita gira in peggio e arriva il rosso: espulso Boly per intervento su Bernardo Silva con tutti i dubbi dei tifosi che stanno impazzando in rete... Per i lupi si fa dura! Al 39' arriva l'altra magagna: calcio di rigore per i Citizens, Gabriel Jesus dal dischetto lo trasforma. 2-0 City, Wolves in dieci e con un rigore fischiato contro. Che cosa può succedere di peggio?

AUTOGOL - Nella serataccia dell'Etihad ai lupi poteva mancare l'autogol? No ovviamente! Al 78' Coady non riesce a sbrogliare una situazione intricata e il pallone finisce alle sue spalle del suo portiere. 3-0 City e partita chiusa. Ma quale azzanno a Guardiola! Alla fine a Pep i lupi non hanno fatto nemmeno il solletico... E da stasera sono la prima squadra della Premier League ad avere concesso un rigore, ad aver subito un cartellino rosso e ad aver confezionato un autogol nella stessa partita. Se piove, diluvia! E nemmeno avere Espirito Santo dalla propria parte è servito...