Serata…di esordio per una delle nuove regole: ecco cosa succede quando l’arbitro tocca il pallone

Serata…di esordio per una delle nuove regole: ecco cosa succede quando l’arbitro tocca il pallone

Subito applicata una nuova regola in vigore da questa stagione. Ben due gli scenari: l’Argentina, in una gara tra Velez e Talleres, ma anche il match di ICC tra Milan e Benfica. L’arbitro, al centro del campo, si ritrova sulla traiettoria del pallone e…interrompe il gioco! Ecco perchè…

di Redazione Il Posticipo

Il calcio è uno sport in continua evoluzione. Non solo sul terreno di gioco, dove i tecnici tentano ogni anno di portare alcune novità tattiche. I piani alti del pallone, ogni stagione cercano di migliorare lo svolgimento del gioco, provando ad inserire nuove norme nate per correggere alcune difficoltà nate da certe situazioni sporadiche. Una di queste è il momento in cui il pallone, casualmente, colpisce l’arbitro.

AGENTE ESTERNO – Fino ad oggi, l’arbitro, in mezzo al campo, è sempre stato considerato come un agente esterno. Quasi come fosse…un palo della porta. Nel momento in cui il pallone colpiva il direttore di gara, si faceva finta di nulla, continuando l’azione come se non fosse successo niente, anche se, con quel tocco, cambiava la squadra in possesso della palla. In serie minori e in campionati esteri, si è addirittura visto un arbitro segnare, ovviamente in maniera del tutto involontaria, un gol. Da quest’anno la musica cambia. In caso di tocco del direttore di gara, il gioco va fermato.

REGOLA –  In Argentina, nella prima gara della Superliga tra Talleres e Velez, c’è già stata subito la conferma come riporta Olè: al 25′ del primo tempo, nel centro del centrocampo, il pallone finisce casualmente contro il direttore di gara. Immediato il fischio dell’arbitro, che prende in mano la palla e la restituisce alla squadra che ne aveva il possesso in quel momento. La stessa cosa è successa poco dopo nell’amichevole tra Milan e Benfica. Nel caso in cui il tocco dell’arbitro arrivasse in area di rigore, invece, il possesso andrà direttamente al portiere. Un importante novità, che risparmia all’arbitro, quanto meno, le critiche dei tifosi per un tocco accidentale; anche se, purtroppo, un motivo per arrabbiarsi con il direttore di gara dagli spalti si troverà sempre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy