Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Sebastian Hoeness su Boateng: “È il più forte, ma era pazzo già da ragazzo”

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

La sua avventura alla Fiorentina si è conclusa dopo appena sei mesi, ma sul suo talento non ci sono dubbi: Kevin-Prince Boateng è pronto a ripartire altrove...

Redazione Il Posticipo

IKevin-Prince Boateng ha provato a rilanciarsi nel nostro campionato, questa scommessa però è durata appena 6 mesi. Alla fine dell'ultima finestra di mercato, il calciatore si è congedato da Firenze dopo un gol in quattordici presenze in A ed è passato in prestito al Besiktas. Riparte dalla Turchia dove non aveva mai giocato finora. Accompagnato dai giudizi di Sebastian Hoeness allenatore della squadra riserve del Bayern Monaco

 TALENTO Da giocatore, Hoeness non è riuscito a togliersi grandi soddisfazioni, ma ha avuto il privilegio di giocare con Kevin-Prince Boateng ai tempi dell'Hertha Berlino quando entrambi erano all'inizio della carriera. Il "Boa" ha lasciato Berlino nel 2007 ed è passato al Tottenham dove ha spiccato il volo. E il tedesco non dimentica gli anni passati insieme come rivelato ai microfoni di Goal: "Non sono mai stato in campo con un giocatore più talentuoso di Boateng. Era eccezionale, anche se all'epoca era già un pazzo. Ma anche estremamente fiducioso in se stesso. Non non aveva paura di farsi male. Quello era uno dei suoi grandi punti di forza. Sapeva  cosa poteva fare e si assumeva le responsabilità".

DOLCI RICORDI - Hoeness è più grande di cinque anni rispetto a Boateng: alla luce di questo il nipote d'arte si è permesso di dare qualche consiglio in passato all'ex giocatore di Fiorentina, Sassuolo e Milan. Oggi "Seba" è felice per la carriera che Boateng è riuscito a fare nel mondo del calcio: "All'inizio c'era il rischio che non riuscisse a raggiungere il top, poi ha cambiato passo e ne sono felice". Boateng, da allora, ha totalizzato più di 400 presenze a livello di club in prima squadra giocando in tutti i top campionati europei, Francia a parte. Resra da capire cosa gli riserverà la sua undicesima esperienza...