calcio

Se Morata non si sbriga, l’Atletico…resta in dieci!

La lunghissima lista di infortunati in casa Atletico Madrid riduce gli uomini della prima squadra ad una decina: se Morata non si sbriga ad arrivare, il Cholo sarà costretto a schierare i canterani.

Redazione Il Posticipo

Corsi e ricorsi storici. Ci sono giocatori che spiccano il volo dalla propria squadra d’origine, ringraziano e vanno via senza voltarsi più indietro. Ma ci sono anche quelli che non dimenticano mai il primo capitolo della propria storia e vorrebbero fare di tutto per poterlo rileggere o addirittura rivivere. È quello che sta succedendo in queste ore ad Alvaro Morata, quasi esule dal Chelsea di Sarri, dove è contino bersaglio di opinioni e commenti negativi che lo vedono non concentrato, poco cattivo e quasi mai decisivo. Tra l’altro, se non si sbriga ad arrivare al Wanda Metropolitano entro sabato, l’Atletico Madrid rischia di…giocare in 10 contro il Getafe.

EPIDEMIA - Più di mezza squadra infortunata, quasi tutti lungodegenti, Correa squalificato. Stando a quanto riporta Marca, dopo l’infortunio di Koke, a disposizione di Simeone ci sono soltanto 9 giocatori di movimento più i due portieri Oblak e Adàn. Un’epidemia. Un solo attaccante a disposizione, per un allenatore che è quasi un teorico del calcio equilibrato a due punte. Certo, quell’attaccante si chiama Antoine Griezmann e fa reparto anche da solo, ma avere a disposizione un attaccante affidabile da affiancargli non sarebbe affatto male. Così Diego Simeone potrebbe trovarsi costretto a schierare i canterani. A meno che, di canterano, non ne arrivi uno dal mercato.

SPERANZE - Infatti, le voci di mercato che vogliono Morata ad un passo dai Colchoneros stanno dimostrando di essere fondate e secondo le ultime testimonianze pare che l’ex Real Madrid e Juve non potrebbe essere più felice che la destinazione del suo prossimo viaggio sia il Wanda Metropolitano. Del resto, sarebbe un ritorno a casa. L’attaccante ha giocato due stagioni nelle giovanili dell’Atletico per poi passare a quelle del Getafe per una e poi a quelle del Real Madrid per altre due. In un momento in cui sia lui che l’Atletico sono in uno stato di piena emergenza, i due antichi innamorati potrebbero vedersi avvicendati in un’opera di mutuo soccorso straordinaria.