calcio

Scheletri…nell’armadietto: le maglie italiane più strane di sempre

Redazione Il Posticipo

Non che prima, soprattutto negli anni Novanta, il campionato italiano se la passasse meglio. Un esempio è la maglia del Pescara 1992-93, anno in cui gli abruzzesi salutano la Serie A dopo una serie di pesanti sconfitte. Ma lo fanno con gusto estetico, indossando un completo che probabilmente è più volto a confondere gli avversari che a essere visivamente accattivante. In entrambi i casi, missione fallita.

 

Potresti esserti perso