Scelte di mercato sbagliate: lo United ha…ignorato l’osservatore che raccomandava Pulisic e Davies

Scelte di mercato sbagliate: lo United ha…ignorato l’osservatore che raccomandava Pulisic e Davies

Nonostante il calcio nordamericano sia in rapida espansione, in Europa i i talenti di quella parte di mondo a volte vengono ancora snobbati. Lo ha fatto il Manchester United che ha preso sotto gamba le raccomandazioni di un osservatore che consigliava ai Red Devils Pulisic e Alphonso Davies. E il resto… è storia.

di Redazione Il Posticipo

Vero, il calcio è stato inventato in Europa e nel Vecchio Continente c’è la maggior tradizione calcistica. È anche vero che oltreoceano, chiamano lo stesso sport con un altro nome: il Soccer, perché lì, il football ha la palla ovale e marrone. Forse per questi motivi, forse per altri, per molto tempo in Europa sono stati snobbati i talenti nordamericani. Recentemente lo ha fatto il Manchester United, che ha preso sotto gamba le raccomandazioni di un osservatore che consigliava ai Red Devils Pulisic e Alphonso Davies

E UNO… – Lo scout in questione è Jorge Alvial, che in carriera ha seguito molti giocatori. Come spiega nel finale dell’intervista a Manchester Evening News, ci sono due tipi di segnalazioni: “tenete d’occhio questo ragazzo” e “Prendete questo ragazzo”. La differenza è abissale. Nel caso dell’ala statunitense e del terzino canadese, il consiglio era il secondo. “Quando sono stato assunto, uno dei primi che ho consigliato era Pulisic. Conoscevo bene sia lui che il suo background. Sapevo che stava crescendo bene nel Borussia Dortmund e che avrebbe continuato a migliorare e sarebbe diventato una superstar. Così chiamavo spesso suo padre dicendo che lo avevo raccomandato allo United”.

… E DUE – Alla fine lo United non gli ha dato ascolto: lui era l’osservatore inviato negli Stati Uniti, perché si preoccupava tanto di un giocatore attivo in Germania?  Peccato che lo United abbia fatto il bis: “Ho fortemente raccomandato di prendere Alphonso Davies. Sapevo che lo scout del Bayern gli stava parecchio addosso, piaceva tanto anche a lui. Non era questione di ‘guarda questo ragazzino’ ma più un ‘prendetelo’. Quando raccomando un giocatore è perché credo che abbia un potenziale assurdo”. E alla fine, lo United ha lasciato che il Bayern Monaco si prendesse l’esterno canadese dai Vancouver Whitecaps. Insomma, i due hanno dimostrato il proprio valore abbastanza da far mordere le mani al club di Manchester.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy