calcio

Scarf, l’esterno sinistro che non ti aspetti

Michael Scarf, esterno mancino ghanese, classe 1999: le assenze forzate di Ghoulam e la squalifica di Mario Rui spingono Sarri a convocare il promettente terzino della Primavera.

Redazione Il Posticipo

Fuori Mario Rui, infortunato Ghoulam, a Sarri restano poche alternative. Convocato Michael Scarf, fiore della primavera azzurra. Il giovanissimo ghanese si è aggregato ai compagni e raggiungerà Crotone, con qualche possibilità di trovare i primi minuti in serie A.

Esterno offensivo, sulle orme di Ghoulam

Un esterno sinistro agile e forte fisicamente. Michael è giunto in riva al Golfo dopo un'ottima stagione a Carpi. Giuntoli lo ha studiato un anno, poi è arrivato prima degli altri su questo prospetto inseguito anche da diversi top club. Classe 1999, ghanese, Scarf è perfetto per il ruolo di esterno sinistro. Il fisico longilineo e robusto lo aiuta sia nella spinta offensiva che sui calci da fermo. Difficile sorprenderlo in velocità. Deve migliorare in marcatura, perchè tende troppo spesso a perdere la posizione, ma ha caratteristiche spiccatamente offensive: trova spesso il fondo per il cross o l'assist al compagno. Per certi versi, ricorda Jordi Alba, per l'abilità con cui supera l'avversario in dribbling.

Scarf è ormai inserito fra i grandi

Scarf non è alla sua prima trasferta con il Napoli. É stato convocato anche in occasione della partita di Udine. Sarri non è un tecnico che regala facilmente un'occasione, a prescindere dalla carta d'identità. Il percorso del ragazzo è, per ora, limitato all'apprendistato. Il tecnico toscano ha fiducia nelle qualità del ragazzo, ma non così incondizionata da schierarlo in campo dal 1' anche se la trasferta in terra calabrese non sembra un ostacolo invalicabile. Nulla, però, è lasciato al caso. Sarri utilizzerà Scarf solo in caso di estrema necessità. L'idea, infatti, è di mettere in campo la migliore formazione possibile. Sarri chiederà un'ultima settimana di sacrificio ai titolarissimi, prima del “rompete le righe” dopo la Befana. L'occasione è troppo ghiotta. Crotone e Verona sono due tappe da non sbagliare per chiudere da Campioni d'Inverno e iniziare il 2018 al primo posto in classifica.

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();