Sarri, vincere non basta: Abramovich…minaccia via SMS!

Sarri, vincere non basta: Abramovich…minaccia via SMS!

Quando si ha a che fare con Roman Abramovich, la tranquillità è un concetto molto relativo. E soprattutto lontano. Poco importa il risultato della battaglia, il Chelsea deve vincere una guerra: quella per il quarto posto, contro Arsenal e Manchester United. Altrimenti…spunta Pochettino!

di Redazione Il Posticipo

Anche lontano da Torino, vincere è l’unica cosa che conta. Ma a volte potrebbe non bastare. Il Chelsea batte l’Huddersfield con un rotondo cinque a zero, Higuain si presenta a Stamford Bridge con una doppietta, Hazard torna a incantare nella posizione che gli si addice di più. Ci sarebbero tutti gli ingredienti affinchè questo weekend sia perlomeno tranquillo per Maurizio Sarri. Ma quando si ha a che fare con Roman Abramovich, la tranquillità è un concetto molto relativo. E soprattutto lontano. Poco importa il risultato della battaglia, c’è da vincere una guerra: quella per il quarto posto, contro Arsenal e Manchester United. Altrimenti…

ULTIMATUM – Altrimenti addio. Il Chelsea deve a tutti i costi guadagnarsi l’accesso alla prossima Champions League, pena il licenziamento. Queste, da quanto riporta il Daily Express, le parole del proprietario dei Blues al suo allenatore. Che avrebbe ricevuto il diktat in una maniera…abbastanza antica, almeno per il calcio moderno. SMS, poche parole e tanti concetti. Quello, più o meno, che ci si aspetta da un uomo sfuggente come Abramovich. Ma il messaggio è chiaro, o Champions o esonero, perchè anche un club ricco come quello londinese non si può permettere di rimanere fuori dall’Europa che conta per due anni di fila. Dunque, quarto posto. O vittoria dell’Europa League, un’occasione che Sarri farebbe meglio a non snobbare.

POCHETTINO – E al suo posto potrebbe arrivare l’uomo più desiderato della Premier: Mauricio Pochettino. Secondo la testata inglese, anche i Blues si sono aggiunti alla lista dei corteggiatori del tecnico del Tottenham. Che pure era una delle scelte più quotate per sostituire Conte, prima che i Blues virassero sull’ex tecnico del Napoli. E anche in questo caso, ironia della sorte, ci sarebbe da combattere con il Manchester United, che vuole rendere l’argentino l’erede di Sir Alex Ferguson. Ma anche, ovviamente, con gli stessi Spurs, che non hanno alcuna intenzione di vedersi scippare il proprio tecnico. O almeno, senza che nessuno paghi gli oltre 50 milioni di compensazione per portarlo via. Una cifra enorme, persino per Abramovich. A cui forse, a questo punto…conviene tifare per Sarri!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy