calcio

Sampaoli, toccata e fuga in Brasile? Ci sono già problemi importanti con il Santos…

Si è seduto da poco sulla panchina del Santos, ma Sampoli rischia già di salutare tutti. Il tecnico, accettata la sfida del club brasiliano, si ritrova a combattere una difficile situazione economica di cui non era a conoscenza...

Redazione Il Posticipo

Continua inesorabile il momento negativo di Jorge Sampoli. L'ex selezionatore della nazionale argentina non riesce ad un uscire da un tunnel che lo ha visto principale colpevole della disfatta Albiceleste in Russia. Rimessosi in gioco nel Santos, il tecnico continua a collezionare polemiche, tanto da mettere in dubbio la sua permanenza nel club brasiliano, con il quale ha appena firmato un contratto di due anni.

STORIA - Un inizio di avventura non proprio positivo quello dell'argentino, che nella conferenza stampa di presentazione nel suo nuovo club, è riuscito in un colpo solo a far storcere il naso ad ogni tifoso del Santos. Sampaoli, mostrandosi pieno di entusiasmo per il progetto, ma a digiuno della storia del club bianconero, ha affermato come questo "deve essere all'altezza della storia del club, nel quale hanno giocato calciatori come Pelé, Ronaldinho e Neymar". Tutto bene, se non fosse che Dinho, nel Santos, non ha mai messo piede.

PROGETTO - Probabilmente non l'inizio che il tecnico si aspettava. A regalare ancora polemiche, sono sempre le dichiarazioni dell'allenatore, riportate da Infobae, che lasciano intendere come la società stia vivendo un momento di difficoltà economica: "Adesso c'è la necessità di acquistare giocatori. Mi hanno fatto una promessa e spero che venga rispettata". Arriva, poi, la frase che non lascia spazio all'immaginazione: "Non parlo di situazioni amministrative. Se mi avessero detto che il club non stava bene (economicamente), forse io...". Una dichiarazione senza epilogo, ripresa poi successivamente da un'altra prospettiva: "Sono venuto per costruire una squadra forte, ed ho la sensazione che sarà così". La sensazione è che da qui al 28 aprile (data di inizio del campionato brasiliano), la panchina del Santos sia tutto eccetto che stabile. E in caso di fuga con disonore, dopo essere stato amatissimo in Brasile per aver affondato l'Argentina, Sampaoli rischia di prendersi più di qualche insulto anche...oltreconfine.