calcio

Salah, la spalla dà ancora problemi: il sogno mondiale diventa incubo?

Il Daily Mail lancia l'allarme. La spalla dell'egiziano preoccupa. Durante l'allenamento devono aiutarlo a indossare una pettorina. E ora anche la partita con la Russia sembra a rischio.

Redazione Il Posticipo

Stessa storia, stesse dichiarazioni, stesso problema. Dal ritiro dell'Egitto vengono spazzati tutti i dubbi, Momo Salah sarà certamente in campo per la partita contro la Russia. Queste le parole via Twitter del team manager dei Faraoni Ihab Leheta, riportate dal Daily Mail, che però lancia l'allarme. Come già accaduto prima del match contro l'Uruguay, che il calciatore del Liverpool ha seguito dalla panchina, la spalla dell'ex romanista preoccupa e non poco. Nonostante le rassicurazioni, non è affatto certo che Salah possa scendere in campo per fronteggiare i padroni di casa. E quello che era il sogno mondiale del numero 11 sembra poter diventare un incubo.

PETTORINA - Le pessime notizie arrivano dal campo di allenamento e rivelano che l'infortunio non è affatto guarito, anzi. A Salah serve aiuto per indossare una pettorina. Si offrono in tre per dare una mano alla stella dell'Egitto, che poi, una volta completata l'operazione, si punta la spalla sinistra mentre parla con i suoi compagni. Non esattamente il comportamento di chi è pronto al 100% a giocare la sua prima partita in un mondiale. E l'impressione che da parte della squadra africana non vengano dati aggiornamenti realistici sulle condizioni dell'attaccante del Liverpool comincia a tramutarsi in ragionevole dubbio. Possibile che Cuper e il suo staff stiano consciamente dando indicazioni errate per non abbattere squadra e tifosi?

SCELTE - Di certo, non la situazione migliore a poco più di quarantotto ore dalla partita che può decidere il mondiale dell'Egitto. Il tecnico ha fatto intendere che quella di lasciare a riposo Salah, scoppiato in lacrime in panchina dopo la rete a tempo scaduto di Gimenez, sia stata una scelta tattica. Meglio avere il numero 11 a pieno servizio contro Russia e Arabia Saudita. Opinione condivisa, secondo il team manager, dallo stesso calciatore, che non avrebbe fatto pressioni per giocare in vista delle due partite più abbordabili. Ma, nonostante Leheta faccia sapere che Salah ha sostenuto tutto l'allenamento con i compagni, le condizioni della spalla fanno paura, soprattutto ai tifosi. Qualcuno comincia ad accusare la nazionale di non essere completamente sincera riguardo le condizioni del Faraone. E se l'egiziano dovesse saltare anche la partita contro la Russia, ma anche giocarla in condizioni non ottimali, il suo mondiale potrebbe finire senza mai realmente cominciare.